Pronto Soccorso
Pronto Soccorso
Sanità

Sanità tranese, Articolo97 risponde a Briguglio: «La smetta di prendere in giro i cittadini»

L'ex assessore definito «il furbastro di bronzo!»

«Oggi, cari concittadini, creeremo un nuovo modo dire che unisce la figura del furbastro a quella della faccia di bronzo: il furbastro di bronzo! C'è chi non si fa alcun problema a sfruttare biecamente qualsiasi cosa gli accada nella vita, per trarne un vantaggio personale. C'è chi cade per strada e, dopo aver passato la vita a "passare da una parte all'altra", sempre dove si poteva sperare di vincere, sia ben inteso, decide di sfruttare questa caduta per diventare paladino della sanità ospedaliera tranese. Stiamo parlando di Domenico Briguglio, campione internazionale di cambio di partito, casacca, sciarpa e biancheria»: così in una nota Giuseppe Curci e Raffaele Covelli del Movimento Articolo97 risponde all'ex assessore Domenico Briguglio.

«Quando Emiliano veniva ad inaugurare tre o quattro volte la stessa risonanza magnetica nell'ex Ospedale di Trani, il nostro eroe, sgomitando per fare un selfie, abbracciato stretto stretto, scriveva: "attenti a noi due!". Ed infatti noi siamo stati attenti a voi due. Ma, chiediamo a voi tutti, oltre al selfie, il furbastro dalla faccia di bronzo, cos'ha fatto per la sanità pubblica ospedaliera cittadina? Un bel niente! Cosa ha proposto? Per cosa ha lottato? Ma soprattutto, conosce l'argomento sanità ospedaliera pubblica e territoriale? Sembrerebbe proprio di no se si chiede perché nessuno si sia "sincerato" della sua "gravità" al suo arrivo alla P.F.M.

Il sistema che "si sincera della gravità dei pazienti", assegnando loro una priorità di ingresso, si chiama triage e, nei punti di primo intervento territoriale com'è la Postazione Fissa Medicalizzata di Trani, anche secondo quanto previsto e disposto da Emiliano, non c'è! Ben svegliato, Briguglio! Ricordiamo a tutti che quando il furbastro di bronzo era in auge, nella compagine "Con Emiliano", tacendo, senza neanche arrossire, o vergognarsi, ha implicitamente appoggiato i piani di smantellamento della sanità ospedaliera pubblica regionali e locali e perciò anche di Trani. Che fa ora si lamenta?

Sa il nostro prode cosa pensava Calenda di Emiliano, quello il cui nome campeggiava nella sua lista elettorale e con cui si faceva le foto? Calenda disse che era il "peggior populista che gira per l'Italia" avendo fatto un "disastro dietro l'altro". Non se n'era mai accorto prima, quando veniva a chiuderci quel che restava dell'Ospedale S. Nicola Pellegrino ed il Pronto Soccorso, e lui gli saltellava dietro con la lingua di fuori e si candidava nelle sue liste?

E non sa che il "grande" epidemiologo leccese, cui lui ha dato i voti, s'insinuava come un dannato James Bond della puccia, sfruttando il suo curriculum, per farsi solo eleggere e mettersi comodo? Lo sa che Lopalco se n'è bellamente sbattuto di ogni nostra proposta per dare una funzione, anche durante la pandemia, all'ex Ospedale di Trani? Sono tutte cose agli atti.

E lo sa che tutta la sua ex parte politica (una delle tantissime ex, abbiamo perso il conto…), Emiliano in testa, non ha neanche preso in considerazione, perdendo l'occasione di anticipare il P.N.R.R. Mission 6, ed il D.M. 77/2022, una nostra proposta di rifunzionalizzazione dell'ex Ospedale per acuti S. Nicola Pellegrino giacente in Regione ed al Comune? La legga, forse imparerà qualcosa.

Visto che non perdeva occasione di "presenziare a qualunque iniziativa" quando veniva Emiliano e quando era "assessore", ci illustri il contenuto delle sue proposte, ci illumini, invece di incolpare i "franchi tiratori".

Non pensi il furbastro di bronzo che siamo tutti fessi e con l'anello al naso e la smetta di prendere in giro la gente solo per rimpolpare il suo nuovo, ed attualmente ultimo, partito del 3% nazionale.

Ci piacerebbe che i responsabili nazionali del settore sanità di Azione conoscessero il nuovo acquisto visto che sembra meravigliarsi del fatto che in un punto di primo intervento territoriale c'è un solo medico e non c'è triage. Forse non ne conosce la differenza con un Pronto Soccorso? Quando il suo Sindaco ed il suo Presidente ed i suoi Assessori di riferimento politico erano tutti d'accordo per creare questo assetto assistenziale di cui lui, oggi, è stato sfortunatamente utente, seppur con bassissima o nulla priorità clinica, lamentandosene pure, cosa diceva, cosa pensava allora?

Solo adesso non va più bene che è passato ad Azione? La smetta di prendere in giro i cittadini tranesi».
  • articolo 97
Altri contenuti a tema
Arrivano gli attraversamenti illuminati in via Falcone, Articolo 97: "Un contentino" Arrivano gli attraversamenti illuminati in via Falcone, Articolo 97: "Un contentino" Per il movimento non sarebbero sufficienti a garantire sicurezza su quel tratto di strada
Consiglio monotematico su Pta, Articolo97: «Molto rumore per nulla» Consiglio monotematico su Pta, Articolo97: «Molto rumore per nulla» «Tante micro-azioni non incisive, già presenti da tempo, slegate, senza un progetto, seguite da una sfilza di faremo»
Questione verde pubblico e abbattimenti: “È fondamentale aprire un dialogo con l’amministrazione” Questione verde pubblico e abbattimenti: “È fondamentale aprire un dialogo con l’amministrazione” Tornano a manifestare le associazioni locali
Articolo 97: "Dopo un anno le richieste sulla sicurezza di via Falcone totalmente ignorate" Articolo 97: "Dopo un anno le richieste sulla sicurezza di via Falcone totalmente ignorate" ll movimento civico aveva organizzato una petizione con una raccolta di firme di cittadini
Mazzette al Pta di Trani, il punto di vista del Movimento Articolo97 Mazzette al Pta di Trani, il punto di vista del Movimento Articolo97 «La conseguenza dell'assenza di un governo delle azioni che spinge a ricorrere a scorciatoie più o meno lecite»
In azione per salvare gli alberi di Trani In azione per salvare gli alberi di Trani Mobilitazione di associazioni e cittadini per ottenere spiegazioni sulla questione abbattimenti
Articolo97 torna a segnalare lo stato di abbandono della Villa Comunale di Trani Articolo97 torna a segnalare lo stato di abbandono della Villa Comunale di Trani Diverse le criticità elencate frutto di «lassismo totale ed irriverente nella cura»
1 Articolo97: «Velobox: scatole vuote che si atteggiano ad autovelox!» Articolo97: «Velobox: scatole vuote che si atteggiano ad autovelox!» Per il movimento i 40mila euro spesi per i dispositivi potevano essere usati diversamente
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.