Nuovo padiglione carcere Trani
Nuovo padiglione carcere Trani
Vita di città

Sappe: «Una vergogna da chiudere le sezioni del carcere di Trani»

Il sindacato di Polizia penitenziaria interviene nuovamente sulle condizioni di detenuti e personale

In più occasioni il Sappe ha sollecitato la chiusura delle sezione femminile del carcere di Bari, nonchè quella in cui venivano allocati i detenuti semiliberi a Trani.

Dopo tante battaglie e proteste a tutti i livelli , il nostro sindacato è riuscito a farle chiedere poiché inagibili ed irrispettosi dei diritti minimi, della dignità nonchè della privacy dei detenuti.

Con lo scoppio della pandemia il provveditore regionale dell'amministrazione penitenziaria di Bari, nonostante la Puglia fosse la più affollata della nazione con il 150% di presenze , ha costretto i Dirigenti delle carceri di Trani e Bari ad aprire quelle sezioni che il Ministero della Giustizia aveva dichiarato inagibili, poiché offrivano una situazione igienica sanitaria da terzo mondo, ove i detenuti giornalmente venivano offesi nella loro dignità di esseri umani.

La cosa che faceva più male era che nel ventunesimo secolo, con garanti, associazioni, radicali ecc.ecc., detenuti uomini e donne erano costretti a fare i loro bisogni corporali senza alcuna privacy nella stessa stanza dove mangiavano, dormivano, e passavano tutta la maggior parte della loro giornata, peggio degli animali, oppure a lavarsi in locali fatiscenti degni dei lager nazisti!!!!!
Purtroppo questa situazione non colpiva solo i ristretti ma anche i poliziotti penitenziari costretti a lavorare in ambienti fatiscenti, sporchi e freddi .

Peraltro aprire quelle sezioni metteva più in difficoltà la gestione delle carceri poiché necessitava di ulteriori poliziotti che non c'erano a causa della carenza organica.

Comunque considerata l'emergenza pandemica quelle sezioni hanno funzionato a pieno ritmo ospitando i detenuti positivi al covid, oppure nuovi giunti che dovevano essere isolati.

Attualmente l'emergenza non ci sarebbe più, ma il dottor Martone responsabile regionale dell'amministrazione penitenziaria, invece di chiudere con immediatezza quelle sezioni continua a tenerle aperte per metterci detenuti comuni a Trani, ed anche con problemi psichiatrici a Bari, riempiendo ancora di più i predetti penitenziari, già sovraffollati, nonostante i gravi disagi per detenuti e poliziotti.

Il SAPPE ritiene che quello che sta facendo il Provveditore regionale non sia legale e nemmeno corretto, poiché è inaccettabile che si costringano dei detenuti a vivere in tali condizioni, nonostante tali reparti siano stati chiusi, da tempo, dal Ministero della Giustizia.

Forse il Provveditore regionale dalla sua stanza comoda ed ovattata dal suo ufficio di Bari, non immagina minimamente il disagio, la sofferenza che tutto ciò provoca sia ai detenuti che ai poliziotti impiegati in quei reparti fatiscenti, per cui lo invitiamo a passare una giornata in quelle sezioni per ricordargli che sta violando le disposizione del DAP ed i diritti umani.

Il Sappe si domanda dove siano i "professionisti del carcere" quali i garanti, le associazioni prima tra tutte Antigone sempre pronta a denunciare i poliziotti, i radicali ecc.ecc. di fronte a tutto ciò?

Certo in questo momento gli orrori e le tragedie che si stanno vivendo in Ucraina ci distolgono giustamente da tante problematiche nazionali e locali, ma il comportamento di chi si può permettere di incidere sul destino e sulla dignità di una persona, non può certamente essere ignorato o peggio avvallato.

Nei giorni scorsi il Sappe ha scritto al Provveditore regionale chiedendo di rivedere la sua posizione sulla vicenda, ma lo stesso con disinteresse e superficialità non ha nemmeno ritenuto di rispondere alle richieste del Sappe che chiedeva di chiudere le sezioni della vergogna, ormai le uniche nella nazione.

Ci dispiace poi che sulla questione non sia nemmeno intervenuta la senatrice Piarulli già direttrice del carcere di Trani che ben conosce quanto sia aberrante la situazione della ex semilibertà .

Proprio per questo il Sappe si rivolge ai mass media , ai politici, al magistrato di sorveglianza , vero garante dei detenuti, per denunciare una situazione che non può essere più tollerata e perchè facciano pressione acchè le sezioni della vergogna vengano chiuse al più presto, in nome della dignità umana di detenuti, e lavoratori della polizia penitenziaria.

Il Sappe invita poi i sindaci delle città di Bari e Trani a visitare le sezioni in questione in qualità di responsabili dell'igiene e sicurezza pubblica, per accertare le condizioni igienico sanitarie in cui sono costretti a vivere i detenuti , nonché a lavorare i poliziotti.
  • Carcere di Trani
Altri contenuti a tema
“Behind bars. Rock oltre le sbarre”, oggi nella Casa circondariale di Trani  “Behind bars. Rock oltre le sbarre”, oggi nella Casa circondariale di Trani  L'evento fa parte di una serie di quattro incontri
Presunte condotte illecite nel carcere di Trani, sospesi due agenti della Polizia Penitenziaria Presunte condotte illecite nel carcere di Trani, sospesi due agenti della Polizia Penitenziaria Favorivano detenuti in cambio di denaro
Don Raffaele Sarno: "Lo strazio del carcere nell'abbraccio, dopo anni, di due madri coi propri figli" Don Raffaele Sarno: "Lo strazio del carcere nell'abbraccio, dopo anni, di due madri coi propri figli" Il cappellano del carcere racconta su fb un' esperienza toccante e dolorosa
Sindacato Polizia Penitenziaria: nel carcere di Trani condizioni igieniche inumane,  da lager Sindacato Polizia Penitenziaria: nel carcere di Trani condizioni igieniche inumane, da lager Dalla denuncia dello scorso aprile nessuna risposta dalle autorità competenti
Cerimonia di dedicazione dell'aula bunker nella casa circondariale alla memoria di Antonio Lorusso Cerimonia di dedicazione dell'aula bunker nella casa circondariale alla memoria di Antonio Lorusso L'appuntato fu ucciso nel maggio del 1971 insieme al Procuratore della Repubblica di Palermo Scaglione
Carcere di  Trani, Sappe: "Ancora violenza  dei detenuti… quando finirà?" Carcere di  Trani, Sappe: "Ancora violenza  dei detenuti… quando finirà?" Il sindacato Polizia penitenziaria denuncia invano da mesi l' impellenza di correre ai ripari 
Riabilitazione psichiatrica in carcere, oggi la presentazioni dei progetti in biblioteca Riabilitazione psichiatrica in carcere, oggi la presentazioni dei progetti in biblioteca Inoltre sarà sottoscritto il protocollo di intesa per la costituzione di un tavolo tecnico
Due anni e otto mesi al giovane che evase dal carcere di Trani Due anni e otto mesi al giovane che evase dal carcere di Trani Deve anche finire di scontare una condanna per omicidio
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.