Infermieri
Infermieri
Speciale

Sette ore per cambiare il suo modo di essere un'infermieriera: il racconto di Roberta

L'infermiera tranese per una volta nei panni della paziente lancia un messaggio di umanità

Capacità di porsi nella situazione di un'altra persona o, più esattamente, di comprendere immediatamente i processi psichici dell'altro. L'Enciclopedia Treccani definisce così la parola empatia ma forse a chiarire ancora meglio il suo significato è una giovane infermiera di Trani di nome Roberta. Con il suo racconto su Nurse24.it, è riuscita a lanciare un forte messaggio di solidarietà e umanità e a spiegare quanto sia difficile a volte, ma molto importante, provare a mettersi nei panni degli altri. Nel suo caso, nei panni dei pazienti. Il suo racconto parte da un incidente.

Lo scorso mese di maggio, la gomitata accidentale di una sua paziente le aveva provocato una lieve tumefazione dello zigomo facciale sinistro. La successiva TAC aveva svelato qualcosa in più: una massa di 9 centimetri fronto-parietale nell'emisfero cerebrale destro. È stato questo il punto di partenza del viaggio della giovane infermiera che l'ha condotta in un istituto milanese all'avanguardia. Mi dicono che la situazione è abbastanza complessa. Si passa subito all'anamnesi, ricovero, colloqui con anestesisti e neurochirurghi e infine sala operatoria. Come scrive lei stessa, quello che doveva essere un intervento di "sole" tre ore si è trasformato in un incubo di sette con emorragia cerebrale.

È salva per poco, racconta, ma in rianimazione per fortuna ad attenderla non sono stati solo i tubi ma anche il conforto degli infermieri. È stata la frase di un dottore poi, a farle capire quanto importante fosse l'empatia nel suo lavoro: "Ho visto che cercavi conforto negli occhi dei tuoi colleghi, ora quando tornerai al tuo lavoro, sii tu conforto per gli altri." Da quella notte Roberta non è stata più la stessa e ha cambiato il modo di vivere la sua professione.

Ha imparato a non riversare la sua frustrazione nei pazienti, a non trattarli tutti nello stesso modo e ad essere il conforto che silenziosamente ognuno di loro cerca negli infermieri o nei dottori. Chissà, se tutti la pensassero come Roberta forse le strutture sanitarie sarebbero posti migliori. Empatia è molto più di una parola.
  • Sanità
Altri contenuti a tema
Centri dentistici Primo, domani l'inaugurazione della clinica a Barletta Centri dentistici Primo, domani l'inaugurazione della clinica a Barletta Tutti invitati dalle ore 17:00 alle ore 20:00 presso la sede in Piazza Conteduca
Ospedale di Trani e diritto alla salute negato, oggi incontro pubblico organizzato da Articolo97 Ospedale di Trani e diritto alla salute negato, oggi incontro pubblico organizzato da Articolo97 Attesa la presenza del sindaco di Minervino Murge, Maria Laura Mancini
Gesso al braccio addio? Ecco NeverMind, la protesi ideata dall'ingegnere tranese Fabrizio Granieri Gesso al braccio addio? Ecco NeverMind, la protesi ideata dall'ingegnere tranese Fabrizio Granieri In attesa di brevetto sfrutta l'insieme delle tecniche mediche ed informatiche
Simposio internazionale su "Ricerca e innovazione in chirurgia e implantologia" a Molfetta Simposio internazionale su "Ricerca e innovazione in chirurgia e implantologia" a Molfetta Il dottor Briguglio introduce il simposio
Ospedale di Bisceglie, il punto nascita resta attivo Ospedale di Bisceglie, il punto nascita resta attivo La Regione Puglia approva la rimodulazione dei posti letto proposta dall'Asl Bt
3 Sanità locale, dal vicesindaco Carlo Avantario l'invito a spegnere le polemiche Sanità locale, dal vicesindaco Carlo Avantario l'invito a spegnere le polemiche «L’interesse comune deve essere quello di garantire il miglior servizio di assistenza possibile ai cittadini»
Buon Primo Maggio per stabilizzazione di circa 140 lavoratori della Sanitàservice Bat Buon Primo Maggio per stabilizzazione di circa 140 lavoratori della Sanitàservice Bat L'obbiettivo raggiunto grazie la sinergia tra Asl e Fp Cgil
La sanità a fianco dei poveri, a Trani nasce l'ambulatorio medico "Giuseppe Moscati" La sanità a fianco dei poveri, a Trani nasce l'ambulatorio medico "Giuseppe Moscati" Offrirà assistenza alle persone iscritte nei registri della Caritas diocesana
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.