Medici Usca
Medici Usca
Sanità

Smantellate da oggi le Unità Speciali di Continuità Assistenziali: un'occasione persa per un nuovo servizio?

La fine delle Usca Bat annunciata in un post del dottor Giovanni Papagni

Chiude oggi ufficialmente il servizio USCA, per disposizione della Asl Bat. Un servizio del nome nuovo che nell'arco di due anni di pandemia è diventato familiare poiché è stato il presidio cui si è rivolta la popolazione per visitare i pazienti fragili a domicilio, fare da tramite con i medici curanti, una speciale squadra di intervento in definitiva.

Il dottor Giovanni Papagni in un comunicato a espresso anche a noi ed i suoi colleghi dissenso rispetto a questa decisione essendosi radicata l'azione di queste unità in maniera significativa sul territorio intercettando evidentemente un bisogno che c'era forse anche prima del covid e ci sarà sempre.

Lo pubblichiamo integralmente.

Il 30 Aprile 2022, così come da disposizioni della Nostra Asl, il servizio USCA (unità speciali di continuità assistenziale) sarà smantellato. Ho personalmente fatto parte di questa realtà, di questa squadra di Medici e Infermieri. Per 2 anni abbiamo fatto si che il territorio fosse coperto, che venissero visitati i pazienti fragili a domicilio, siamo stati gli occhi e le orecchie dei medici curanti, degli specialisti all'occorrenza a casa dei pazienti.

Non nego che per un po' ho anche pensato che potesse nascere così un nuovo servizio, squisitamente territoriale, al servizio della medicina Generale che potesse essere riconvertito al servizio della popolazione. A quanto pare così non sarà.

Abbiamo eseguito visite su pazienti positivi, giovani, anziani, fragili…ecografie domiciliari, tamponi a pazienti allettati, trasfusioni a domicilio, medicazioni avanzate coprendo le lacune del SSN perché in questi 2 anni "IL POSITIVO" (a parte pochi casi) lo hanno mandato a casa, qualunque fosse la patologia di base.

Abbiamo dato tanto e vorremmo dare ancora magari aumentando le prestazioni erogabili e le competenze.

Le città di Trani e Bisceglie e di tutta la Bat hanno avuto modo di conoscerci e di capire l'importanza di questo servizio. Grazie a chi ha sostenuto e sosterrà sempre la buona Medicina.
  • Sanità
Altri contenuti a tema
Accertato in Puglia il primo caso di vaiolo delle scimmie: è un uomo di 36 anni Accertato in Puglia il primo caso di vaiolo delle scimmie: è un uomo di 36 anni La conferma nella serata di ieri dal policlinico di Bari
Trani, carenza di medici convenzionati del 118 per la Postazione Fissa Trani, carenza di medici convenzionati del 118 per la Postazione Fissa A rischio chiusura per mancato riconoscimento della dotazione organica
1 XIV Congresso nazionale di Radiodiagnostica a Trani dal 25 al 28 maggio XIV Congresso nazionale di Radiodiagnostica a Trani dal 25 al 28 maggio "Progressi in..." il titolo dell'incontro scientifico curato dal dott. Tommaso Scarabino
1 Rischio genetico della schizofrenia: il tranese Alessandro Bertolino nel gruppo di studiosi dell'Università di Bari Rischio genetico della schizofrenia: il tranese Alessandro Bertolino nel gruppo di studiosi dell'Università di Bari Lo studio è stato pubblicato su "Nature" da accademici internazionali
Onda d'urto onlus, indagine epidemiologica tumori maligni sui giovani sarà estesa anche su Trani e Barletta Onda d'urto onlus, indagine epidemiologica tumori maligni sui giovani sarà estesa anche su Trani e Barletta E' la decisione presa dal consiglio del sodalizio andriese e comunicato dalla Presidente Dott.ssa Angela Somma
Sospensione del serv­izio Usca, Pierluigi Lopalco: «Sce­lta incomprensibile» Sospensione del serv­izio Usca, Pierluigi Lopalco: «Sce­lta incomprensibile» Il consigliere regionale deposita un'interrogazione in Regione per chiedere la proroga del serv­izio
Mattinata  di screening diabetici, uditivi e visivi alla Croce Bianca Mattinata di screening diabetici, uditivi e visivi alla Croce Bianca E stasera alle 10:30 chiude la mostra di Rosa Alda Magliocca con una donazione dell'artista per una raccolta fondi
Schittulli: «500 decessi al giorno di cancro, si riprenda a fare i controlli» Schittulli: «500 decessi al giorno di cancro, si riprenda a fare i controlli» L'oncologo lancia l'allarme e invita a esami preventivi trascurati durante la pandemia
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.