Villa Bini
Villa Bini
Vita di città

Star Lab Petra: presentato il progetto di riqualificazione del giardino di villa Bini

Ieri la presentazione a palazzo Covelli, sede dell'Ordine degli architetti

È stato presentato il progetto per la riqualificazione del giardino di villa Bini grazie a un finanziamento della regione Puglia: le forze in campo sono l'assessore alle Culture, l'ordine architetti di Barletta-Andria-Trani e l'accademia delle Belle Arti di Foggia insieme ad artisti e ad associazioni del territorio.

"Nuove e condivise idee per riappropriarsi in modo sano della città e favorire una sana aggregazione sociale", scrive il sindaco sul suo profilo social.

La zona è priva di contenitori culturali, fatta eccezione per lo stadio, una parrocchia di recente costruzione e Villa Guastamacchia.

"Abbiamo voluto restituire il giardino alla fruizione collettiva attraverso uno straordinario lavoro di squadra", ha dichiarato l'assessore alle Culture Francesca Zitoli.

Il parco, ceduto all'amministrazione comunale da parte di privati, fu inaugurato nel 2012 ma nella difficile coesistenza tra una struttura privata di pregio architettonico, un parco pubblico e una zona recentemente edificata ad alta densità residenziale si è trovata a essere (per la mancanza di una progettazione puntuale) in una condizione di degrado e abbandono.

Il locale che nell'originario stabilimento industriale gestiva la pesa per l'ingresso delle olive si presta per un intervento fisico di tipo parietale ma anche per un intervento multimediale al suo interno, concependo lo spazio come una piccola sala immersiva.

L'area di giardino priva di vegetazione che circonda il locale della pesa, consentirà di realizzare non solo un'opera di grandi dimensioni ma anche nuovi spazi di relazione che avranno nell'arte il loro trait d'union.

Scopo dell'intervento è migliorare lo stato dei luoghi per rendere l'area un punto di riferimento sociale e di incontro per cittadini e associazioni, ma anche per la installazione di street art e arte pubblica per superare le barriere tra fruizione culturale e comunità.

Un progetto all'insegna di importanti parole chiave: "Durabilità" nel tempo, "Sostenibilità" ambientale e umana attraverso il coinvolgimento della cittadinanza e l'uso di materiali ecosostenibili e di riciclo, "Multi disciplinarietà", Contestualizzazione, "Multilinguaggio", partecipazione: verranno privilegiati progetti e processi creativi di tipo partecipativo, relazionale e intergenerazionale.
  • Villa Bini
Altri contenuti a tema
Il gruppo Retake in azione per ripulire il parco di Villa Bini Il gruppo Retake in azione per ripulire il parco di Villa Bini La partecipazione aperta alla cittadinanza
8 Villa Bini, ridotta a discarica ancora una volta Villa Bini, ridotta a discarica ancora una volta Continuano incessanti le segnalazioni dei cittadini per una situazione in stallo
17 Detto fatto, per questa volta, arriva l’intervento di pulizia per Villa Bini Detto fatto, per questa volta, arriva l’intervento di pulizia per Villa Bini Intervento tempestivo di Amiu dopo le segnalazioni di Trani Viva a riportare ordine
Una villa Bini da Welcome to Favelas Una villa Bini da Welcome to Favelas Continuano le segnalazioni a mezzo di foto sulle condizioni del parco
16 Con le erbacce cresce anche lo sfacelo, Villa Bini sempre più terra di nessuno Con le erbacce cresce anche lo sfacelo, Villa Bini sempre più terra di nessuno Foto e segnalazioni dei cittadini a testimonianza di un abbandono che persiste
In "pausa" l'acquisto di un quarto di Villa Bini: questioni burocratiche e non soltanto In "pausa" l'acquisto di un quarto di Villa Bini: questioni burocratiche e non soltanto Sarebbe decaduto il termine per l'esercizio del diritto di prelazione
1 Ancora niente pace per Villa Bini: un altro incendio nella notte Ancora niente pace per Villa Bini: un altro incendio nella notte Solo pochi giorni fa i bambini della Baldassarre erano stati a ripulirla con un progetto
Parco di Villa Bini, de Simola (Italia in Comune): «Serve maggior decoro in quell'area» Parco di Villa Bini, de Simola (Italia in Comune): «Serve maggior decoro in quell'area» Videosorveglianza, illuminazione e «una più seria ed articolata manutenzione»
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.