Camion Fuoristrada
Camion Fuoristrada
Enti locali

Strada Andria-Trani, lavori a rilento: alcuni proprietari non cedono

Tante difficoltà e ipotesi di variante: via il ponte per una rotatoria

Gli operai sono al lavoro assieme alle ruspe individuate dalla ditta Matarrese srl aggiudicataria dell'appalto da oltre 20 milioni di euro per raddoppiare circa 9 chilometri di strada provinciale, quella indicata con il numero "uno" all'atto di nascita della BAT, quella che purtroppo è tristemente nota come la "strada della morte". Si tratta della "Andria-Trani", il cui raddoppio e la messa in sicurezza, dovranno necessariamente esser conclusi entro il 31 dicembre 2015 per non perdere il cospicuo finanziamento europeo. Gli uffici tecnici regionali ed in particolare quelli provinciali con il dirigente, Ing. Mario Maggio, sono alacremente al lavoro per seguire passo passo l'evoluzione dei lavori che, tuttavia, sembrano andare ancora a rilento. La conclusione della bonifica bellica in profondità è attesa nei prossimi giorni e si è già cominciato a lavorare nei pressi del semaforo di metà strada per la realizzazione delle complanari. Opera propedeutica per poter poi concentrarsi sul raddoppio vero e proprio con spartitraffico della sede stradale principale.

Ma tante restano le difficoltà di un'opera che a tutti serve ma a molti non sembra piacere: dall'ultima interlocuzione con l'ufficio tecnico, infatti, sembrano esserci particolari ostacoli da parte di alcuni proprietari di aziende ricadenti sul tracciato che non hanno alcuna intenzione di arretrare le recinzioni delle proprie ditte, nonostante la Provincia abbia già provveduto nei mesi scorsi a saldare cospicuamente gli espropri dei terreni arrivati a costare, da un previsionale di circa 2 milioni di euro, ad oltre 9 milioni di euro. In modo bonario l'ente sta cercando di adoperarsi affinchè si accelerino le operazioni di arretramento dei muretti e delle recinzioni ma resta in piedi l'ipotesi di rivolgersi alle forze dell'ordine per obbligare i proprietari a mettersi in regola. Tutti gli espropri, infatti, sono stati liquidati e non vi sono state altre opposizioni. Ma le difficoltà non sono solo queste: sembra esserci anche una problematica relativa al ponte, previsto dal progetto iniziale, che dovrebbe esser costruito all'altezza dell'attuale impianto semaforico di metà strada.

Sembrerebbero esser necessarie, infatti, degli ulteriori interventi in termini di salvaguardia ambientale che andrebbero ad aumentare il costo del progetto redatto circa 10 anni fa, di diverse centinaia di migliaia di euro. La questione è al vaglio dell'azienda appaltatrice oltre che degli uffici tecnici che, per ovviare al problema, potrebbero anche decidere di realizzare una variante con una grande rotatoria per canalizzare il traffico veicolare e smistarlo nelle complanari senza la realizzazione del ponte. Questo, porterebbe ad un'eventuale minor aggravio in termini economici con un conseguente risparmio rispetto al progetto iniziale. Ad ora, tuttavia, non vi è nulla di ufficiale ed il progetto resta quello approvato e per ben due volte già presentato in maniera ufficiale. La Strada "Andria-Trani", tuttavia, resta una di quelle opere essenziali per la comunità, visti anche già i due decessi di inizio 2015, e visto il tributo di vittime che da oltre trent'anni quella strada continua a mietere. La speranza è che il buon senso, aldilà della burocrazia, prenda il sopravvento sugli interessi personali e singoli.
  • Lavori Pubblici
  • Provincia Bat
  • Trani-Andria
Altri contenuti a tema
Infortuni sul lavoro, trenta i cantieri ispezionali nella provincia Bat Infortuni sul lavoro, trenta i cantieri ispezionali nella provincia Bat Il bilancio dei primi controlli della task force
Candidatura a capitale della cultura 2021, Lodispoto ringrazia Cannito e Bottaro Candidatura a capitale della cultura 2021, Lodispoto ringrazia Cannito e Bottaro «Dai sindaci della Provincia un messaggio di unità e visione d'insieme»
Impianto di biometano a Trani, Lodispoto: «Procedura nata con Nicola Giorgino» Impianto di biometano a Trani, Lodispoto: «Procedura nata con Nicola Giorgino» «Bisogna evitare di strumentalizzare la Provincia per finalità  legate alla campagna elettorale»
Presidenti delle Province pugliesi esclusi dal Comitato Permanente di Protezione Civile Presidenti delle Province pugliesi esclusi dal Comitato Permanente di Protezione Civile Ladispoto (Bt): «Profondamente rammaricato per la scelta del consigliere Mennea»
1 Provincia, la Questura a Trani? Corrado: «Si potrebbero sfruttare il plesso De Bello e i Capannoni Ruggia» Provincia, la Questura a Trani? Corrado: «Si potrebbero sfruttare il plesso De Bello e i Capannoni Ruggia» La proposta del consigliere regionale a fronte dei ritardi dei lavori nell'immobile di Andria
Zone Zes, firmato il Protocollo d’intesa in Provincia Zone Zes, firmato il Protocollo d’intesa in Provincia Al centro la proposta di un sistema territoriale integrato retroportuale
Ponte sulla Trani-Andria, Insieme per la Bat: «L'opera avrà un forte impatto positivo sulla nostra Provincia» Ponte sulla Trani-Andria, Insieme per la Bat: «L'opera avrà un forte impatto positivo sulla nostra Provincia» Il gruppo consiliare: «Fortemente voluto, è un altro tassello per lo sviluppo produttivo e per la viabilità»
Elezione del presidente della Provincia, Insieme per la Bat: «Lo spettacolo peggiore che si potesse mettere in scena» Elezione del presidente della Provincia, Insieme per la Bat: «Lo spettacolo peggiore che si potesse mettere in scena» Alcuni componenti di centrodestra avrebbero sostenuto un candidato di centrosinistra caldeggiato dal Pd
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.