Piattaforma petrolifera
Piattaforma petrolifera
Territorio

Va avanti il tentativo di ricerca del petrolio nel nostro mare

La Chiarello convoca gli assessori dei Comuni costieri della Bat. Indagini geofisiche nel basso Adriatico per 14327 chilometri quadrati

È arrivata in questi giorni in tutti i Comune costieri pugliesi dell'Adriatico (Trani compresa) la notifica di deposito presso il Ministero dell'ambiente della documentazione per l'attivazione della procedura di valutazione di impatto ambientale presentata dalla Petroleum Geo Service Asia Pacific per l'istanza di permesso di prospezione di idrocarburi liquidi e gassosi nella zona antistante le coste della Regione Puglia.

Le attività in progetto della società prevedono l'esecuzione di indagini geofisiche mediante sismica a riflessione di tipo 2D all'interno di aree ubicate nel basso Adriatico per una superficie complessiva di circa 14327 chilometri quadrati, al largo delle coste della Puglia. Gli scopi principali riguardano il completamento della copertura sismica già esistente al fine di individuare l'ubicazione della roccia madre degli idrocarburi e fornire dati utili alle successive fasi di sfruttamento dei giacimenti eventualmente individuati.

In considerazione della particolare tipologia progettuale proposta, l'amministrazione regionale ha considerato opportuno essere sostenuta nei propri adempimenti anche dal parere dei Comuni costieri antistanti l'area di permesso nonostante ciò non sia previsto dalla normativa vigente per la concessione del parere di compatibilità ambientale. La Regione ha invitato tutti i Comuni costieri a far conoscere il proprio parere. L'assessore all'ambiente del Comune di Trani, Pina Chiarello, ha subito convocato gli assessori all'ambiente dei Comuni costieri della Bat oltre che l'assessore provinciale Gennaro cefola per un vertice urgente. Appuntamento mercoledì 4 aprile a Palazzo di città a Trani alle 12.

La Chiarello è pronta a dare battaglia: «La delicata attività che si prefigge di compiere la società Petroleum Geo Service Asia Pacific – dice – non può non avere evidenti ripercussioni sul piano ambientale e sulle nostre politiche di sviluppo. Non vi è dubbio che il Comune di Trani abbia adottato politiche di tutela dell'ambiente discostandosi in modo deciso da ogni intervento che possa turbare ulteriormente l'ecosistema. Ribadendo la nostra contrarietà alle operazioni di ricerca in mare desideriamo condividere un'azione comune con le città costiere di tutto il territorio della Bat». La richiesta di incontro è stata inviata agli assessori all'ambiente dei Comune di Margherita, Barletta e Bisceglie.
Dal Gargano al Salento, sono 36 i Comuni pugliesi che temono per le eventuali trivellazioni petrolifere al largo della costa adriatica pugliese. In allerta le amministrazioni di Alessano, Andrano, Bari, Barletta, Bisceglie, Brindisi, Carovigno, Castrignano del Capo, Castro, Corsano, Diso, Fasano, Gagliano del Capo, Giovinazzo, Lecce, Manfredonia, Margherita di Savoia, Mattinata, Melendugno, Mola di Bari, Molfetta, Monopoli, Monte Sant'Angelo, Ostuni, Otranto, Polignano a Mare, San Pietro Vernotico, Santa Cesarea Terme, Tiggiano, Torchiarolo, Trani, Tremiti, Tricase, Vernole, Vieste e Zapponeta.
  • Mare
  • Pina Chiarello
  • Petrolio
Altri contenuti a tema
Una carcassa di delfino sulla costa tranese: una triste immagine di fine estate Una carcassa di delfino sulla costa tranese: una triste immagine di fine estate Il ritrovamento poco dopo la spiaggia delle Matinelle
Tartaruga marina salvata da un motopesca tranese al largo di Margherita Tartaruga marina salvata da un motopesca tranese al largo di Margherita Pronto l'intervento del Wwf di Molfetta, resterà in cura una decina di giorni
Lido Mongelli e quella brutta schiuma del pomeriggio: quale la causa? Lido Mongelli e quella brutta schiuma del pomeriggio: quale la causa? Il fenomeno si ripete puntuale ogni giorno, il comitato "Trani bene comune" chiede accertamenti
1 Recuperato lo scooter abbandonato nelle acque del Molo San Nicola Recuperato lo scooter abbandonato nelle acque del Molo San Nicola L'operazione grazie al gruppo sub "Amici del mare"
Amici del mare, nominato il nuovo presidente del gruppo sub: Rino Peluso Amici del mare, nominato il nuovo presidente del gruppo sub: Rino Peluso Nei giorni scorsi il passaggio di testimone alla presenza di Raffaella Merra e Michele Di Gregorio
Sbarca Goletta Verde a Trani: due giorni di eventi, spettacoli, seminari  intorno  all'analisi del nostro mare Sbarca Goletta Verde a Trani: due giorni di eventi, spettacoli, seminari intorno all'analisi del nostro mare La storica campagna estiva di Legambiente arriva in Puglia per continuare la sua lotta in difesa delle acque e delle coste
Emiliano: «La Puglia è la regione col mare più pulito d'Italia!» Emiliano: «La Puglia è la regione col mare più pulito d'Italia!» Il 99.8 per cento delle acque è considerato eccellente
Una "vespa sottomarina" avvistata nel fondale di Trani: ma è solo un rottame Una "vespa sottomarina" avvistata nel fondale di Trani: ma è solo un rottame L'evidente segnale di una pratica di abbandono dei rifiuti anche dalle rive del nostro mare
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.