Pm Nardi
Pm Nardi
Cronaca

Giudici arrestati, Nardi e Di Chiaro rispondono al Gip ma respingono ogni accusa

L'ex magistrato ha rivelato nuovi dettagli e il suo rapporto conflittuale con Savasta

Hanno risposto alle domande del Gip, ma hanno entrambi respinto tutte le accuse, il magistrato Michele Nardi e l'ispettore di polizia Vincenzo Di Chiaro, arrestati con l'altro magistrato Antonio Savasta con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari.

I due, insieme ad Antonio Savasta, sono stati sottoposti nel carcere di Lecce all'interrogatorio di garanzia dopo l'arresto del 14 gennaio scorso.

Nardi, ora Pm a Roma che all'epoca dei fatti contestati era Gip a Trani, ha risposto per circa tre ore alle domande del Gip di Lecce, respingendo tutte le contestazioni. Assistito dai propri legali, Nardi ha raccontato la sua verità fornendo al magistrato inquirente, Roberta Licci, anche spunti per verificare e riscontrare le dichiarazioni rese. Come riferito dall'ANSA, si è detto completamente innocente, attribuendo le accuse a dissidi di natura personale col suo principale accusatore, l'imprenditore di Corato Flavio D'Introno. Contrasti che Nardi avrebbe ricondotto alla vicenda della ristrutturazione di una villa di proprietà di sua moglie a Trani. Riguardo la presunta associazione per delinquere che lo vedrebbe coinvolto insieme all'ex Pm di Trani, Antonio Savasta, Nardi ha riferito di non aver avuto con lui questi rapporti amicali, anzi. Ha altresì dichiarato che da tempo quando i due magistrati erano in servizio a Trani, i loro rapporti si erano deteriorati per disparità di vedute e di comportamenti. Al termine dell'interrogatorio il Gip Gallo si è riservato di decidere.

In merito alla deposizione di Di Chiaro, a parlare è il suo legale, avv. Tiziana Tandoi che ha riferito che il suo assistito ha accettato di rispondere ma non ha riferito alla stampa i contenuti della deposizione.

Come già reso noto ieri, ha invece deciso di non rispondere ai giudici il magistrato Antonio Savasta: l'ex pubblico ministero della Procura di Trani è stato il primo a comparire davanti al Gip di Lecce Giovanni Gallo, insieme ai suoi difensori, per l'interrogatorio di garanzia. La decisione di non rispondere alle domande del Gip, hanno spiegato i legali Guido Calvi e Massimo Manfreda all'ANSA, deriva dalla necessità di guardare con attenzione tutte le carte dell'inchiesta.
  • Tribunale di Trani
Altri contenuti a tema
Il giudice Francesco Messina nominato "formatore" nelle Marche Il giudice Francesco Messina nominato "formatore" nelle Marche Il magistrato barlettano è stato scelto dal Consiglio superiore della magistratura
Muore dopo un intervento al colon, il figlio presenta esposto alla Procura di Trani Muore dopo un intervento al colon, il figlio presenta esposto alla Procura di Trani L'uomo era ricoverato nel reparto di "Chirurgia generale" dell'ospedale di Andria
Sospeso l'ex presidente del Tribunale di Trani, Bortone. E' accusato di falso e truffa Sospeso l'ex presidente del Tribunale di Trani, Bortone. E' accusato di falso e truffa Secondo gli inquirenti avrebbe faatto redigere ad altri le sentenze raggirando il ministero dell'Economia
Corruzione nel Tribunale di Trani, Savasta collabora: rivelati nuovi nomi e fatti Corruzione nel Tribunale di Trani, Savasta collabora: rivelati nuovi nomi e fatti Le dichiarazioni dell’ex Pm tranese aprono altri scenari nella vicenda
Giudici arrestati, Antonio Savasta si avvale della facoltà di non rispondere Giudici arrestati, Antonio Savasta si avvale della facoltà di non rispondere Questa mattina l'interrogatorio di garanzia dinanzi al gip di Lecce
11 «Nardi mi chiedeva 500 euro al giorno. Ho pagato anche 600 mila euro per i lavori di ristrutturazione di una villa a Trani» «Nardi mi chiedeva 500 euro al giorno. Ho pagato anche 600 mila euro per i lavori di ristrutturazione di una villa a Trani» Parla Flavio D'Introno, l'imprenditore coinvolto nell'indagine contro i due ex magistrati tranesi
«Non chiedermi a chi è destinato, lo scoprirai dai telegiornali», shock dopo gli arresti per possesso di tritolo «Non chiedermi a chi è destinato, lo scoprirai dai telegiornali», shock dopo gli arresti per possesso di tritolo S'indaga per scoprire l'obiettivo, non si esclude fosse diretta ad un palazzo istituzionale
Nuovo sostituto procuratore al Tribunale di Trani: arriva Maria Isabella Scamarcio Nuovo sostituto procuratore al Tribunale di Trani: arriva Maria Isabella Scamarcio Originaria di Andria, s'nsedierà il prossimo 17 dicembre in sostituzione della collega Valentina Botti
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.