Vita di città

Marina di Trani / 2

Legambiente: "Ci siamo svenduti anche il porto"

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
«La recente firma della convenzione tra il Comune di Trani e la società Italia Navigando facente capo al gruppo Sviluppo Italia, ci induce a pronunciarci e ad indignarci su una questione che, ancora una volta, evidenzia l'anteposizione degli interessi economici di alcuni, rispetto ai reali bisogni della collettività.

Vale la pena ricordare brevemente che la firma posta sotto tale convenzione avvierebbe l'iter per la costituzione di una società, ‘Marina di Trani', che vede il Comune di Trani come socio al 5% del capitale sociale con un eventuale successivo incremento di quota sino al massimo del 49%. Con tale convenzione, pertanto, si è avviato un iter che vedrà la riprogettazione dell'area portuale e dell'avamporto con la gestione, sul tutto, e per un tempo quasi illimitato, da parte di una società privata che, avendo una visione manageriale e privatistica dell'economia, sottrarrà di fatto scelte e gestione dalla comunità tranese.

Come si vede, siamo alle solite. La finanza creativa, i principi economici, il marketing si antepongono ad una visione ‘sociale' della gestione dei beni collettivi. Si è già deciso che i pescherecci saranno spostati nell'avamporto e quindi saranno sottratti alla vista dei passanti e dei turisti nell'area storica. Evidentemente qualcuno ritiene che sia indecoroso vedere i pescherecci, brutti, sporchi e malconci, e sia molto meglio osservare, magari con la bava alla bocca, i panfili dei nababbi e degli astri nascenti della finanza (i soliti furbetti del quartierino) che verranno a trastullarsi a Trani durante i caldi mesi estivi.

Appare molto probabile, quasi come un tragico presagio, che anche la gloriosa Lega Navale sezione di Trani, sarà costretta ad adeguarsi alle regole dei nuovi proprietari portuali, pena il pagamento di altissimi canoni bel oltre ogni ragionevole esosità. Verrebbe da dire che l'eccesso di finanza e di sviluppo (Italia) dà alla testa ed annebbia la vista. Evidentemente questa visione produttivistica della gestione dei beni collettivi, già tragicamente concretizzatasi a Trani attraverso l'esaltato, quanto fallimentare, collegamento con aliscafo con la Croazia, continua a trovare negli amministratori sempre nuove strade, con fresche possibilità di sconosciuti quanto rovinosi tracolli finanziari.

E' molto probabile che un giorno ci troveremo a dover raccontare ai nostri nipoti dei passati gloriosi e nobili del porto di Trani, magari facendogli vedere qualche foto o cartolina postale che mette in bella evidenza gli scandalosi pescherecci affiancati alle scintillanti imbarcazioni turistiche. Un giorno, forse, con nostalgia ci ricorderemo, al pari della violentata Piazza XX Settembre, di quando anche il porto era pubblico e da tutti fruibile. Sarebbe interessante poter elencare tutti gli errori e le nefaste scelte economiche compiute in nome del risanamento, dell'ottimizzazione della gestione, dell'incremento dei posti di lavoro, della riqualificazione, ecc.

Inutile dire che se tutte queste scelte fossero state realmente utili per la collettività, adesso, vivremmo in un mondo perfetto e la città di Trani sarebbe il paese delle meraviglie. Peccato, invece, che queste meraviglie siano sempre più delle lontane chimere.»

I soci del Circolo di Trani della Legambiente

  • Legambiente
Altri contenuti a tema
3 Pinetina di via Andria, Legambiente Trani: «All’abbattimento segua la collocazione di nuovi alberi idonei al luogo» Pinetina di via Andria, Legambiente Trani: «All’abbattimento segua la collocazione di nuovi alberi idonei al luogo» Nota del presidente Pierluigi Colangelo
Vacanze estive in Puglia, a Trani sventolano le tre vele di "Guida blu" Vacanze estive in Puglia, a Trani sventolano le tre vele di "Guida blu" Da Legambiente e Touring Club la guida con oltre 200 proposte di viaggi all’insegna del turismo di prossimità
Il mare di Trani tra i più belli d’Italia, assegnate tre vele da Legambiente Il mare di Trani tra i più belli d’Italia, assegnate tre vele da Legambiente Una in più rispetto l'anno scorso
Chi ha paura di Legambiente? Chi ha paura di Legambiente? Lettera in redazione di Pierluigi Colangelo
Legambiente Trani, oggi talk su degrado e rigenerazione della costa tra Trani e Barletta Legambiente Trani, oggi talk su degrado e rigenerazione della costa tra Trani e Barletta L'incontro in videochat alle ore 19
Puliamo il mondo, volontari in azione sul lungomare Chiarelli e a villa Bini Puliamo il mondo, volontari in azione sul lungomare Chiarelli e a villa Bini Due appuntamenti nell'ambito dell'iniziativa organizzata da Legambiente
Analisi Goletta Verde, Legambiente Trani: «Contaminazione della foce non equivale a pregiudizio della balneabilità per la costa» Analisi Goletta Verde, Legambiente Trani: «Contaminazione della foce non equivale a pregiudizio della balneabilità per la costa» Le precisione del presidente della sezione cittadina, Pierluigi Colangelo
Pulizia delle spiagge: a cimentarsi con rastrelli e bustoni alunni e Legambiente Pulizia delle spiagge: a cimentarsi con rastrelli e bustoni alunni e Legambiente Alle operazioni parteciperanno anche gli assessori Di Gregorio e Briguglio
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.