Fabrizio Sotero e Antonio Loconte
Fabrizio Sotero e Antonio Loconte
Politica

Microsoft e Autodesk contro Amet, usati software senza licenza e azienda condannata a pagare

Loconte e Sotero denunciano un nuovo "caso" nella Municipalizzata

«Avreste mai pensato che un'azienda pubblica potesse incorrere in una condotta illecita per aver installato e utilizzato programmi software in assenza di regolare licenza?». A porre questo interrogativo sono Antonio Loconte e Fabrizio Sotero della Rete Civica "Solo con Trani" che puntano i riflettori su Amet s.p.a.

«Avreste mai pensato che due colossi statunitensi come Microsoft Corporation e Autodesk Inc. potessero agire in giudizio contro l'A.M.E.T. per rivendicare i loro diritti? Sembra assurdo, ma tutto ciò è accaduto realmente in A.M.E.T. s.p.a. Il Tribunale di Bari, a seguito dell'azione intrapresa da Microsoft e Autodesk, ha condannato A.M.E.T. s.p.a. al risarcimento di oltre 150.000,00 euro e al pagamento delle spese di lite. I tentativi dell'Azienda di contenere i danni causati da tale "malefatta", limitando l'esborso derivante dalla condanna, si sono tradotti in una transazione intervenuta con le due società americane. A.M.E.T. s.p.a., alla luce della sentenza che ha accertato l'illecito, si è impegnata a versare nelle casse di Microsoft e Autodesk un ingente somma per chiudere definitivamente la questione e porre la classica "pezza a colori" su una vicenda alquanto squallida. A corollario della catastrofe prodotta dall'uso illegittimo di programmi privi di licenza - continuano Loconte e Sotero - si aggiungono le spese legali, le spese di consulenza CTP e le spese per "regolarizzare" le licenze dei software: un giochetto di migliaia di euro che grava sulle casse dell'Azienda Pubblica, quindi dei poveri cittadini!!!

Ci chiediamo se il Sindaco sia a conoscenza di questa triste vicenda che interessa da vicino le sorti di un'Azienda in forte crisi; ci chiediamo, altresì, se siano state accertate le eventuali responsabilità di chi, al momento dell'illecito, ricopriva l'Ufficio Sistemi Informativi. L'attuale CdA ha il dovere di costituirsi parte civile contro i responsabili dell'illecito per recuperare le ingenti somme che A.M.E.T. s.p.a. ha dovuto erogare a Microsoft e Autodesk per evitare che, ancora una volta, le vere vittime di questa vicenda siano i poveri cittadini.

Auspichiamo - concludono Loconte e Sotero - che tale triste vicenda non cada nel dimenticatoio come la questione-Iaculli, nei cui confronti attendiamo ancora notizie circa l'eventuale azione di responsabilità da parte del Sindaco».
  • Amet
  • Fabrizio Sotero
  • Antonio Loconte
Altri contenuti a tema
Nomine Amet: terzo nome in arrivo Nomine Amet: terzo nome in arrivo Si tratterebbe delle tranese Angela Maria Pirozzi
Trani#ACapo: «Amet piena di problemi, ma loro pensano solo alle poltrone» Trani#ACapo: «Amet piena di problemi, ma loro pensano solo alle poltrone» Procacci: «L'azienda elettrica al centro di una becera spartizione»
Ultim'ora: il nuovo presidente Amet sarà il rag. Vincenzo Santorsola Ultim'ora: il nuovo presidente Amet sarà il rag. Vincenzo Santorsola Si attende l'ufficialità dall'Amministrazione
Amet: il nuovo terzetto si avvicina, il presidente sarà un commercialista Amet: il nuovo terzetto si avvicina, il presidente sarà un commercialista Mazza e panella di Giovanni Ronco
Ultim'ora: dimissioni ufficiali di Mazzilli, presidente Amet Ultim'ora: dimissioni ufficiali di Mazzilli, presidente Amet La decisione dopo l'ultimo Consiglio comunale. Lascia anche Angela Ventura
«L'Amet chiude a giugno»: l'ultima trovata di una truffa o realtà? «L'Amet chiude a giugno»: l'ultima trovata di una truffa o realtà? Uomini in giacca e cravatta propongono adeguamenti dei contratti in vista di una sospetta chiusura
Amet, si dimette Marcello Danisi: Giuseppe Paolillo possibile successore Amet, si dimette Marcello Danisi: Giuseppe Paolillo possibile successore La notizia a pochi giorni dal rimpasto in Giunta
Amet, Branà e Di Lernia (M5S): «Ad oggi non si è provveduto per tempo a rifornirsi di sufficienti contatori di energia» Amet, Branà e Di Lernia (M5S): «Ad oggi non si è provveduto per tempo a rifornirsi di sufficienti contatori di energia» La denuncia dei consiglieri pentastellati: «Danisi senza mezzi termini si deve dimettere»
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.