Gianni Loconte con Biagio Fanelli
Gianni Loconte con Biagio Fanelli
Politica

Offese a una simpatizzante di centrodestra, Loconte getta acqua sul fuoco

L'esponente di Noi a Sinistra: «Nessun commento sessista, solo chiacchiere tra amici»

Dopo la diatriba apertasi per offese e commenti sessisti - espressi su Facebbok - contro una simpatizzante di centrodestra da parte di due esponenti di maggioranza, arriva la replica di uno due protagonisti: il consigliere Gianni Loconte di Noi a Sinistra per la Puglia.

«Nel pomeriggio del 5 gennaio 2015 - spiega Loconte - passeggiavo in compagnia del mio fedele cane per le vie di Trani, allorquando la mia attenzione fu richiamata dalle esternazioni di una signora che si lamentava del fatto di aver pestato degli escrementi di cane; non appena mi vide, iniziò a rivolgere i suoi improperi nei miei confronti, adducendo una mia responsabilità, in uno alle istituzioni cittadine, derivante dal fatto che, a suo dire, non "siete capaci di far passare i guai ai proprietari dei cani che non puliscono le feci dei propri animali". Vista l'animosità e l'ineducazione con cui mi si rivolgeva, ho preferito continuare la mia passeggiata (non conosco la signora protagonista dell'episodio, anche se, evidentemente, lei conosce me)».

«Nella stessa sera del cinque gennaio - prosegue il consigliere comunale - leggo su Facebook un commento postato da un mio contatto, seguito da uno successivo con cui la stessa (è una donna), peraltro consigliere comunale eletta nel centro destra, con faccine sorridenti scrive "credo sia di estrema destra"; non mi è apparso un post mirato ad offendere chicchessia, anche in considerazione del fatto che proveniva da una "donna del centrodestra", apparendo evidente la sua intenzione di scherzarci su.
Tale situazione, collegata alla notoria passione per gli animali della detta consigliere, mi ha riportato alla mente l'episodio increscioso del pomeriggio, unica ragione per cui ho risposto, senza volermi riferire al alcuno o a chicchessia. Se qualcuno si è sentito in diritto di scegliere di sentirsi offeso o destinatario del mio commento, l'ha fatto deliberatamente, senza poter fondare tale suo sentimento su situazioni oggettive ovvero su precedenti intercorsi con la mia persona».

«Posso immaginare la voglia di visibilità - sottolinea - che pervade l'animo di alcuni invisibili che soffrono per tale loro situazione, ma non posso tollerare che tale voglia debba giungere a sfruttare l'altrui immagine, mistificando la realtà (da vocabolario treccani: mistificazióne s. f. [dal fr. mystification]. – Distorsione, per lo più deliberata, della verità e realtà dei fatti, che ha come effetto la diffusione di opinioni erronee o giudizî tendenziosi, sia in campo ideologico sia, per esesempio, nel settore del commercio e della pubblicità, al fine di trarre vantaggio dalla credulità altrui: operare una m.; rimanere vittima di una m.; tentativi di m.; le m. della società contemporanea. Con sign. più generico, imbroglio, falsificazione); nello scherzoso commento da me postato (posso condividere che sia stato di cattivo gusto, ragion per cui chiedo scusa a chi ha visto urtare la propria sensibilità nel sentire (rectius nel leggere) una così pesante "parolaccia"), non c'era niente di politico (a differenza di altri, per fortuna, la politica la faccio nelle sedi opportune e non sui social), non c'era niente di sessista (non era certo una offesa al genere femminile né una lesione ai diritti di alcuno); non c'era niente di niente. Erano solo due chiacchiere tra amici. Ribadisco il mio disappunto - aggiunge - per le strumentalizzazioni ed il mio sdegno nei confronti di chi le attua giungendo sino a richiamare diritti sacrosanti al solo scopo di farsi bello: evidentemente chi non ha valide argomentazioni politiche da porre in essere cerca altre vie di fuga pur di avere i suoi "cinque minuti di notorietà". A queste persone, comunque, voglio manifestare - conclude - la mia solidarietà e comunicare la mia disponibilità ad aiutarle nella ricerca della loro ragione di esistere».
  • Facebook
Altri contenuti a tema
20mila pollici in su per TraniViva 20mila pollici in su per TraniViva Un nuovo traguardo su Facebook per celebrare 18 anni di attività
2 Poco più di 20 anni e trentacinque paesi visitati: il grande viaggio di Carlo Laurora Poco più di 20 anni e trentacinque paesi visitati: il grande viaggio di Carlo Laurora Il suo blog "Italian?Yes!" ha più di 200mila visualizzazioni ed oltre 70mila followers
1 Il Comune sui social: appalto alla Arts Media di Andria Il Comune sui social: appalto alla Arts Media di Andria La società si è occupata della campagna elettorale del sindaco Bottaro
Insulti sessisti su Facebook, Raffaella Merra chiede scusa Insulti sessisti su Facebook, Raffaella Merra chiede scusa La consigliera di opposizione: «Il mio post non era riferito a nessuno in particolare»
Te lo regalo se vieni a prendertelo, basta un grazie Te lo regalo se vieni a prendertelo, basta un grazie Anche a Trani il gruppo Facebook dove la parola d'ordine è "donare"
Politica "spicciola", nuovo battibecco tra Riserbato e Corrado Politica "spicciola", nuovo battibecco tra Riserbato e Corrado Il confronto avviene su facebook, la degenerazione della politica
Insulti anonimi su Facebook: per la Cassazione è diffamazione Insulti anonimi su Facebook: per la Cassazione è diffamazione Il Sindaco aveva avvertito tutti: «Basta politica fatta sui social»
7000 likes per TraniViva: 7000 volte grazie 7000 likes per TraniViva: 7000 volte grazie Notizie, rubriche, approfondimenti, l'informazione a portata di click
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.