Casa
Casa
Vita di città

Piano Sociale di Zona 2022/2024, Garofalo: «Assessori e dirigente non intendono discutere di politiche abitative e sfratti»

Il commento del segretario provinciale del Sunia dopo la riunione in biblioteca del 27 aprile

«A seguito dell'approvazione in Coordinamento Istituzionale dell'Avviso Pubblico di avvio della Programmazione partecipata del Piano Sociale di Zona 2022-2024, il 27 aprile ha avuto inizio, con un incontro in plenaria, il percorso di programmazione partecipata del Piano Sociale di Zona dell'Ambito Territoriale di Trani e Bisceglie». Sono le parole del segretario provinciale del Sunia, Angelo Garofoli.

«Il Sunia ha partecipato alla riunione planaria del 22/07/2020, sottolineando l'importanza che il Piano Sociale di Zona che interessa i Comuni di Bisceglie e Trani focalizzi la propria attenzione anche sul tema della politiche abitative e l'emergenza sfratti. Constatiamo che gli assessori di riferimento e il dirigente responsabile non intendono discutere dell'importante tema delle politiche abitative e l'emergenza sfratti e delle relative conseguenze sulle famiglie. Il PSZ è uno strumento importante che deve guardare in maniera ampia e organica i problemi delle famiglie. Auspichaimo un cambio di rotta».

Di seguito la PEC inviata in data 23/07/2020 al Sindaco di Trani e di Bisceglie.


Facciamo seguito alla riunione plenaria tenutasi in data 22 luglio us, presso la biblioteca del Comune di Trani, convocata dal dirigente dell'ufficio di Zona Trani - Bisceglie dott. Alessandro Attolico, il quale ha illustrato la programmazione finanziaria per l'anno 2020 che qui si allega in copia. La scrivente organizzazione sindacale, ritiene importante dare corso in tempi brevi all'attuazione della nuova programmazione degli interventi in favore delle fasce deboli della società.

L'intervento propositivo della nostra organizzazione nel merito delle iniziative da attuare per l'annualità 2020, si è focalizzato su quella fascia della popolazione che vive il disagio sociale e la bassa capacità reddituale in maniera cronica e che sono meglio individuabili in alcune famiglie assegnatarie di alloggi pubblici. Nel merito è bene precisare che i canoni di locazione degli alloggi di edilizia pubblica assoggettati alla legge regionale n.10/2014, prevedono la determinazione del canone di locazione in base al reddito del nucleo famigliare.

Il canone minino stabilito per legge regionale è pari ad euro 25,00. La fascia degli assegnatari che rientra in questo parametro, prevede una capacità reddituale dell'intero nucleo famigliare anche pari allo zero. E' in questa fascia che intendiamo emendare la nostra proposta al Piano Sociale di Zona, in favore di quei nuclei famigliari con reddito pari a zero e che risultano morosi per canoni di locazione e/o servizi nei confronti dell'ARCA Puglia Centrale. Come noto, l'ARCA procede nell'azione legale per il recupero delle somme non versate ovvero lo sfratto per morosità. L'art.33 delle Legge Regionale n.10/2014 istituisce un Fondo Sociale con il concorso anche dei Comuni per affrontare queste situazioni. Purtroppo, ciò non è mai accaduto.

Le difficoltà che si incontrano nel gestire queste situazioni, costringono i Comuni molto spesso a richiedere all'ARCA la sospensione di ogni attività giudiziaria al fine di tutelare le famiglie che subiscono la povertà estrema. Il sostegno all'affitto nei confronti di situazioni di estrema povertà, può essere praticato attraverso l'accredito in favore dell'assegnatario dei canoni di locazione con l'utilizzo dei Fondi del Piano Sociale di Zona coerentemente con le finalità istituzionali del Piano Sociale di Zona.

Tale beneficio non è inteso come denaro in favore dell'assegnatario, ma in favore dell'ARCA che provvederà all'accredito sull'estratto conto del singolo. Ed è in questo contesto che chiediamo agli Enti in indirizzo, di voler convocare unitamente alla scrivente un urgente tavolo concertativo per individuare regole condivise per attuare la suddetta proposta. Invitiamo l'ARCA Puglia Centrale, a fornire per i soli Comuni di Bisceglie e Trani una statistica sulla platea potenzialmente beneficiaria di tale proposta ovvero se in questa fattispecie vi siano procedimenti legali in corso.
  • Politica
Altri contenuti a tema
Consiglio comunale, de Simola: «Maggioranza niente affatto unita e coesa» Consiglio comunale, de Simola: «Maggioranza niente affatto unita e coesa» Il segretario d'Italia in Comune invita il sindaco a «restituire la parola al popolo sovrano»
#pertraninoicisiamo: colloqui romani per Bottaro, e Giacomo Marinaro si dice pronto ad una candidatura #pertraninoicisiamo: colloqui romani per Bottaro, e Giacomo Marinaro si dice pronto ad una candidatura La situazione in realtà è tutta in divenire
Crisi di Governo, Mario Draghi si è dimesso Crisi di Governo, Mario Draghi si è dimesso Il presidente uscente resta in carica per il disbrigo degli affari correnti
Crisi di Governo, il premier Draghi annuncia le dimissioni. Elezioni anticipate in vista? Crisi di Governo, il premier Draghi annuncia le dimissioni. Elezioni anticipate in vista? L'intenzione è stata anticipata nel corso del consiglio dei ministri. Ora toccherà al presidente Mattarella decidere se sciogliere le Camere
1 Movimento civico Articolo 97: "Per la prima volta un confronto con l'amministrazione" Movimento civico Articolo 97: "Per la prima volta un confronto con l'amministrazione" "Stupisce l'assenza dei consiglieri comunali, di maggioranza e di opposizione"
Accessibilità e fruizione delle spiagge libere: i dubbi di Di Leo sui provvedimenti dell'amministrazione Accessibilità e fruizione delle spiagge libere: i dubbi di Di Leo sui provvedimenti dell'amministrazione Per il capogruppo della Lega si andrebbe verso "la privatizzazione anche delle poche zone libere del demanio marittimo"
Centro destra e 5 Stelle insieme per un consiglio comunale monotematico Centro destra e 5 Stelle insieme per un consiglio comunale monotematico Chiedono anche l'istituzione di una comissione di vigilanza
Traffico caotico e mancanza di parcheggi: Italia in Comune chiede migliore organizzazione Traffico caotico e mancanza di parcheggi: Italia in Comune chiede migliore organizzazione Il segretario de Simola: "In vista di Battiti bisogna preveder eun Piano parcheggi a carattere straordinario"
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.