carcere 3
carcere 3
Cronaca

Nuovi insulti e minacce nel carcere di Trani

Dopo l'aggressione ancora problemi, la Cosp denuncia le criticità

Continuano a pervenire al Sindacato di Polizia Penitenziaria Cosp, rappresentato dal segretario generale Domenico Mastrulli, comunicazioni di insulti, minacce e tentativi di aggressioni da parte di detenuti ai danni del personale medico e paramedico Asl in servizio presso le Strutture Penitenziarie Pugliesi. Solo negli ultimi giorni clamorose sono state le situazioni denunciate, dalla stessa sigla sindacale, all'opinione pubblica per la sede di Bari e Trani ma anche in precedenza in altre Istituti della regione e che preoccupano lo stesso personale.

In queste situazioni, a rimetterci le "penne", sono poi gli Agenti del Corpo della Polizia Penitenziaria in servizio d'ordine e sicurezza nei reparti detentivi costretti ad assicurare l'incolumità del personale civile medico e paramedico ma che nel corso degli interventi subiscono l'aggressività fisica dei detenuti coinvolti, con lesioni ai danni dei poliziotti e prognosi anche di 20 giorni, come accaduto a Bari di recente.

Che la situazione di criticità nelle carceri, dopo l'attuazione delle "celle aperte" e "vigilanza dinamica", imposta dal Dipartimento e canalizzata dal Prap, fosse preoccupante era già nota in questi mesi, ma che si alzassero i livelli di guardia tanto da interessare la Direzione Generale delle Asl e le Autorità, questo appare d'interesse oltre che regionale anche nazionale per un dilagarsi della criticità.

Il Sindacato chiede adeguati urgenti interventi da parte del Dipartimento Ministro della Giustizia e del Dipartimento Ministro per la Salute su quanto starebbe accadendo negli ultimi tempi sia a tutela degli Operatori Sanitari che degli Operatori della Sicurezza, coinvolti negli ultimi eventi critici contro personale sanitario nella mattinata di lunedì a Trani.
Carico il lettore video...
Altri video:
Domenico Mastrulli
Aggressione al carcere di Trani, protesta il COOSP2 minuti
  • Carcere di Trani
  • Mimmo Mastrulli
Altri contenuti a tema
Dopo oltre quarant'anni chiude la "sezione blu" del carcere di Trani Dopo oltre quarant'anni chiude la "sezione blu" del carcere di Trani I detenuti trasferiti in un nuovo padiglione
Carcere di Trani, Mastrulli (Cosp): «Auspichiamo che non siano disposti trasferimenti da altri istituti» Carcere di Trani, Mastrulli (Cosp): «Auspichiamo che non siano disposti trasferimenti da altri istituti» Intervento del sindacato sull'imminente apertura del nuovo padiglione
Protesta al Carcere di Trani, i sindacati: «Vogliamo la chiusura della sezione blu» Protesta al Carcere di Trani, i sindacati: «Vogliamo la chiusura della sezione blu» «L'apertura del padiglione deve avvenire nel momento in cui verranno inviati almeno 50 poliziotti»
Carcere di Trani, la senatrice Piarulli chiede la chiusura della vecchia sezione di massima sicurezza Carcere di Trani, la senatrice Piarulli chiede la chiusura della vecchia sezione di massima sicurezza Ed aggiunge: "A seguito l'apertura del nuovo padiglione, disposte 44 unità"
Apertura del nuovo padiglione nel Carcere di Trani, sindacati in protesta Apertura del nuovo padiglione nel Carcere di Trani, sindacati in protesta «Si apre senza personale  e senza chiudere la sezione della vergogna»
Nel carcere di Trani un'ex magistrata rumena, su di lei pendeva un mandato di arresto europeo Nel carcere di Trani un'ex magistrata rumena, su di lei pendeva un mandato di arresto europeo Ora attenderà in Puglia l’esito della richiesta di estradizione
Carcere femminile: il 2 luglio la presentazione della garante dei detenuti Elisabetta De Robertis Carcere femminile: il 2 luglio la presentazione della garante dei detenuti Elisabetta De Robertis La sua elezione nel corso dell'ultimo Consiglio comunale
1 Sette boss scarcerati nel Barese, tra loro il tranese Gaetano Rano Sette boss scarcerati nel Barese, tra loro il tranese Gaetano Rano Domiciliari anche per il presunto estorsore Armando Presta
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.