Screening diabete
Screening diabete
Sanità

Sanità, da Trani parte la petizione dei diabetici in vista delle nuove misure regionali

Al direttore generale richiesto un maggior numero di centri specializzati nella Bat

Al convegno tenutosi domenica 10 marzo a Trani presso la sede della Croce Bianca il dr Antonio Sasso, dirigente medico e diabetologo presso la UOC di medicina interna, ha illustrato ai cittadini convenuti (diabetici microinfusi e genitori di minori affetti da diabete del tipo 1) la recente normativa regionale per ottenere l'accesso alle nuove tecnologie per il monitoraggio continuo della glicemia e per la somministrazione dell'insulina mediante microinfusore (cfr DGR del 13 marzo 2018, n. 387).

Egli ha sottolineato come nel disegno del riordino dell'assistenza ai diabetici insulino-dipendenti siano state accolte le le linee-guida formulate dal Tavolo tecnico dell'AreS che prevedono la costituzione di due tipi di centri antidiabetici.

Quelli di secondo livello avranno il compito di prescrivere il microinfusore ai pazienti "naive" (cioè non possessori già del dispositivo), purchè abbiamo le caratteristiche del "paziente ideale" per questo tipo di soluzione terapeutica e dimostrino di avere appreso con profitto durante il training tutto ciò che è necessario sapere sulla gestione del microinfusore (calcolo del bolo, conta dei carboidrati ecc). I centri antidiabetici di primo livello invece avranno il compito di monitorare i pazienti microinfusi: a coloro che alle visite mediche di verifica dimostreranno risultati vicini a quelli attesi in termini di buon controllo glicemico, si potrà rinnovare la prescrizione del microinfusore e del sensore. Diversamente il dispositivo a giudizio del medico potrebbe essere ritirato.

Si è quindi parlato dell'orientamento regionale nella precedente Determinazione Dirigenziale del 13.11.2018, n. 291, (poi sospesa), nella quale veniva individuato un solo centro antidiabetico di I° livello nella BAT (presso il PTA di Trani), nessun centro di 2° livello e nessun centro per diabetici in età pediatrica. Tale situazione, se dovesse essere confermata dal prossimo provvedimento, costituirebbe una forte discriminazione e penalizzazione dei cittadini della BAT rispetto alle altre province. Entro il 15 marzo p.v. la ASL BAT potrà comunicare al tavolo tecnico dell'AreS la necessità di avere un numero maggiore di centri antidiabetici, almeno due per diabetici adulti ed uno per quelli pediatrici.

I centri aggiuntivi potrebbero essere opportunamente localizzati presso l'ospedale di Bisceglie, ove insiste una situazione particolarmente favorevole: un centro antidiabetico attivo da molti anni (con un medico esperto nelle nuove tecnologie per il monitoraggio glicemico e il trattamento insulinico che ha il maggior numero di pazienti microinfusi seguiti), una UO di pediatria e, sulla carta, anche una UO semplice di endocrinologia con posti-letto da costituire all'interno della UOC di medicina interna. Rimarchevole è che la presenza in un'ospedale di una UO di endocrinologia costituisce criterio fondamentale per aspirare a un centro antidiabetico di secondo livello ai sensi delle suddette linee-guida regionali.

L'assemblea ha deciso di portare all'attenzione del direttore generale dell'ASL BAT Delle Donne tale problematica sottoscrivendo una petizione.
  • Asl Bat
Altri contenuti a tema
1 Nuova automedica a Trani, Delle Donne: «Infondata e fuorviante l'istanza di annullamento avanzata dalle associazioni» Nuova automedica a Trani, Delle Donne: «Infondata e fuorviante l'istanza di annullamento avanzata dalle associazioni» «Abbiamo fatto un affidamento diretto per un periodo di tempo molto limitato per ragioni di urgenza e necessità»
1 Nell'Asl Bat al via una nuova organizzazione dipartimentale Nell'Asl Bat al via una nuova organizzazione dipartimentale Delle Donne: «Una rivoluzione in termini organizzativi, un nuovo assetto aziendale che garantirà maggiore efficacia ed efficienza»
Asl Bat, approvato il piano aziendale per le liste d'attesta Asl Bat, approvato il piano aziendale per le liste d'attesta Delle Donne: «Abbiamo individuato strumenti e metodo di collaborazione tra tutti gli attori del sistema»
Asl Bat, in arrivo un radiofarmaco innovativo per i tumori nueroendocrini Asl Bat, in arrivo un radiofarmaco innovativo per i tumori nueroendocrini Oggi la presentazione al "Dimiccoli" di Barletta
Come stanno i dipendenti? L'Asl partecipa ad un'indagine di clima interno Come stanno i dipendenti? L'Asl partecipa ad un'indagine di clima interno L'iniziativa promossa dalla Regione Puglia e la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa
Liste di attesa, Delle Donne (Asl Bt): ​«Al lavoro per garantire il diritto all'erogazione corretta e nei tempi giusti» Liste di attesa, Delle Donne (Asl Bt): ​«Al lavoro per garantire il diritto all'erogazione corretta e nei tempi giusti» Ed aggiunge: ​«Siamo consapevoli delle difficoltà presenti ma la nostra attenzione è massima»
Rapporto tumori, nella Bat si ammala un uomo su tre e una donna su quattro Rapporto tumori, nella Bat si ammala un uomo su tre e una donna su quattro Reso noto il lavoro svolto dall'unità operativa complessa di Epidemiologia e Statistica
Liste d'attesa nella Asl Bat, la sezione T.D.M pronta a ricevere segnalazioni e testimonianze Liste d'attesa nella Asl Bat, la sezione T.D.M pronta a ricevere segnalazioni e testimonianze Il 18 aprile aperta mattina e pomeriggio per la giornata nazionale dei diritti del malato
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.