Maria Pia e Federica Paradiso
Maria Pia e Federica Paradiso
Vita di città

Sempre più "speciali", le sorelle non vedenti raggiungono il traguardo della laurea

Maria Pia e Federica Paradiso sfidano sé stesse e realizzano il loro sogno

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Appassionate di musica, arte e poesia: non vedenti dalla nascita, si sono laureate nello stesso giorno ed a pieni voti le gemelle tranesi Maria Pia e Federica Paradiso, 21enni appassionate di cultura. Ma soprattutto delle vita: impegno prima di tutto, e studio costante nella facoltà di "Scienze turistiche" presso l'università telematica "Pegaso". Maria Pia ha scelto di scrivere una tesi in Storia dell'architettura, con tema "L'architettura barocca meridionale: itinerari nel barocco salentino e siciliano", relatore il prof. ing. Enrico Leccisi; Federica, invece, ha scelto la sociologia del turismo, con una tesi su "La dimensione sociale del turismo: il sistema turistico in Puglia", con il prof. Massimo Trotta.

Dopo anni di fatica e sacrificio, con l'insostituibile apporto della famiglia, anche per loro è arrivato questo importantissimo traguardo. Nonostante le mille difficoltà incontrate in tutto il percorso scolastico, grazie alla tenacia e al supporto della famiglia, della mamma Nicoletta, del papà Nino, dei fratelli minori Giuseppe e Francesca, le studentesse hanno realizzato il loro sogno diventando dottoresse. Ad oggi il percorso universitario non si ferma, ma proseguirà con l'iscrizione alla specialistica, probabilmente con nuovi orizzonti: Federica e Maria Pia conoscono diverse lingue, dall'Inglese allo Spagnolo, dal Tedesco al Francese, e attraverso i sistemi Brail e Jaws sono riuscite a percorrere tutte le tappe scolastiche senza mai fermarsi: dalle elementari alla De Amicis, con le maestre Lucia Franco e Annamaria Leandro, alle scuole medie alla Baldassarre, e poi il Liceo De Sanctis socio economico per Federica e l'Itc Aldo Moro per Maria Pia, sempre precise e attente agli insegnamenti dei docenti, sempre circondate da amici.

Poi l'Università: "Da piccola volevo fare l'avvocato" dice Federica, "Io la teologa" aggiunge Maria Pia. Poi le strade prendono sentieri diversi, e la scelta di una facoltà che unisce arte e storia, ma anche economia, intorno alle bellezze della nostra terra. E insieme allo studio, ecco le passioni: Federica canta in maniera strepitosa, Maria Pia scrive poesie (entrambe pubblicano con successo i loro lavori).

Federica e Maria Pia, non vedenti dalla nascita, guardano il mondo insieme a noi. E ci mostrano altre bellezze, che noi da soli non riusciamo a vedere.
  • Cultura
Altri contenuti a tema
Trani capitale della cultura italiana 2022? Ad ottobre la short list delle 10 città finaliste Trani capitale della cultura italiana 2022? Ad ottobre la short list delle 10 città finaliste La procedura di valutazione si concluderà entro il 12 novembre 2020
Arte e caffè: esposizione di 40 dipinti in corso Alcide De Gasperi Arte e caffè: esposizione di 40 dipinti in corso Alcide De Gasperi Surrealismo, astrattismo ed impressionismo nella quotidianità
Alla ricerca del blasone di Trani, incontro a tema sabato 27 giugno Alla ricerca del blasone di Trani, incontro a tema sabato 27 giugno Appuntamento nell'androne di Palazzo Mongelli
Trani fra le protagoniste delle giornate europee dell’Archeologia Trani fra le protagoniste delle giornate europee dell’Archeologia L’Archeoclub locale parteciperà con un video-documentario
Paura di crescere e incapacità di amare: la sindrome di Peter Pan Paura di crescere e incapacità di amare: la sindrome di Peter Pan Un nuovo appuntamento della rubrica Cinema e Scienza
Rino Mennea e le cartoline tranesi: un tesoro di saluti e memoria Rino Mennea e le cartoline tranesi: un tesoro di saluti e memoria La nuova opera è uno scrigno prezioso di richiami storici e artistici
Trani capitale italiana della cultura, la corsa slitta al 2022 Trani capitale italiana della cultura, la corsa slitta al 2022 Il dossier di candidatura dovrà essere presentato entro il prossimo 31 luglio 2020
Trani capitale italiana della cultura 2021: riaperti i termini per le proposte progettuali Trani capitale italiana della cultura 2021: riaperti i termini per le proposte progettuali Chiunque può presentare un progetto entro il 31 maggio
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.