Antonio Procacci, Aldo Procacci, Mariagrazia Cinquepalmi
Antonio Procacci, Aldo Procacci, Mariagrazia Cinquepalmi
Cronaca

Trani a Capo accusato di diffamazione, il gip chiede alla Procura il capo d'imputazione

Il movimento aveva incolpato "Le lampare al fortino" di morosità

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani Raffaele Morelli ha ordinato alla Procura della Repubblica di formulare il capo d'imputazione per l'accusa di diffamazione nei confronti del referente del Movimento "Trani a Capo" Antonio Procacci e dei consiglieri comunali Aldo Procacci e Maria Grazia Cinquepalmi. I fatti si riferiscono al comunicato ed alla conferenza stampa di Ottobre 2016 con cui venivano sollevate questioni sulla morosità del canone di locazione nei confronti del Comune di Trani da parte del gestore del ristorante "Le Lampare al Fortino" e dubbi sulla destinazione dell'immobile sulla base di un'attestazione dell'Arcivescovo della diocesi tranese.

La Procura aveva chiesto l'archiviazione della denuncia sporta da Antonio Del Curatolo (legale rappresentante della Sas Le Lampare) ma il gip ha accolto l'opposizione di Del Curatolo (difeso dall'avvocato Giuseppina Chiarello) limitatamente all'ipotesi di diffamazione. Non anche per quella di rivelazione ed utilizzazione di segreto d'ufficio, pure avanzata dal difensore di Del Curatolo.

Secondo il gip "pur non apparendo permeate dall'utilizzo di espressioni direttamente infamanti, aspre o da un linguaggio aggressivo, la non-infondatezza della notizia di reato si sostanzia nella ripetitività delle condotte, sovrabbondanti rispetto al fine della cronaca ed integranti, nella prospettiva dell'originario capo di imputazione del pubblico ministero, una sorta di campagna denigratoria nei confronti del denunciante, tenuto conto dell'insussistenza di profili di interesse pubblico in merito alla validità o meno dell'eventuale concessione ormai rilasciata dal Comune anni addietro, apparendo siffatta divulgazione verosimilmente strumentale ad un diverso fine politico; né apparendo scriminata la condotta degli indagati dal fatto che questi hanno chiesto informazioni anche in merito ad altri beni concesso in uso ai privati.

Diversamente – motiva il gip all'esito dell'udienza dello scorso 29 giugno – non sussistono i presupposti per ritenere configurabile anche il reato di rivelazione e di segreto d'ufficio, avendo gli indagati dato conto, in considerazione delle loro rispettive qualità, delle modalità di acquisizione dei documenti".
  • Trani a capo
Altri contenuti a tema
Dimissioni Guadagnuolo, Procacci (Trani a Capo): «Sorpresi ma non dispiaciuti» Dimissioni Guadagnuolo, Procacci (Trani a Capo): «Sorpresi ma non dispiaciuti» Il portavoce del movimento chiede di conoscere le reali motivazioni
1 Raccolta differenziata, Trani a Capo: «Presunta campagna pubblicitaria a partire da maggio 2019 Raccolta differenziata, Trani a Capo: «Presunta campagna pubblicitaria a partire da maggio 2019 Il portavoce Procacci: «Un rinvio dietro l’altro e intanto i cittadini pagano»
Sosta a pagamento, Trani#ACapo: «Una società ha già presentato un project financing?» Sosta a pagamento, Trani#ACapo: «Una società ha già presentato un project financing?» Il quesito posto dal capogruppo Aldo Procacci nell’ultimo Consiglio comunale è ancora senza risposta
Parcheggi, Cinquepalmi: «Con i 60mila euro spesi per sistemare via dei Finanzieri si potevano acquistare dieci parcometri» Parcheggi, Cinquepalmi: «Con i 60mila euro spesi per sistemare via dei Finanzieri si potevano acquistare dieci parcometri» La consigliera sollecita il sindaco ad indire una gara per il loro acquisto
Trani a capo contro l'archiviazione per Guadagnuolo e Ruggiero, il 10 ottobre l'udienza Trani a capo contro l'archiviazione per Guadagnuolo e Ruggiero, il 10 ottobre l'udienza Il movimento chiede al gip di ordinare nuove attività investigative
Amet, Trani a Capo segnala transazioni nebulose Amet, Trani a Capo segnala transazioni nebulose Aldo Procacci: «Bottaro ci dica cosa vuole fare, perché noi cominciamo a temere il peggio»
Rifiuti chemioterapici trasportati da Amiu, Cinquepalmi: «Uno dei mezzi bloccati a Massafra era di Trani» Rifiuti chemioterapici trasportati da Amiu, Cinquepalmi: «Uno dei mezzi bloccati a Massafra era di Trani» La consigliera svela la verità sulla vicenda smentita da Di Gregorio e Guadagnolo
Ammanchi nel bilancio di Amiu, Trani a Capo chiede chiarezza Ammanchi nel bilancio di Amiu, Trani a Capo chiede chiarezza La consigliera Cinquepalmi risponde al sindaco e all’assessore Di Gregorio
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.