Vita di città

Tribunale, le preoccupazioni del Sindaco di Trani

Futuro a rischio, arriva la sesta provincia.

Il Sindaco di Trani, Giuseppe Tarantini, ed il Presidente del Tribunale, Vito Savino, in un recente incontro, hanno condiviso la preoccupazione sul futuro del Tribunale di Trani, per effetto della istituzione della sesta Provincia. Appare paradossale ma, in realtà, nel settore giudiziario l'istituito Ente può produrre effetti negativi che, allo stato, emergono solo a livello di discussione ma che, a breve, potrebbero concretizzarsi.

Attualmente il distretto del Tribunale di Trani, che si dipana anche attraverso le sedi distaccate di Andria, Barletta, Canosa di Puglia, Molfetta e Ruvo di Puglia, nonché le sedi degli Uffici del Giudice di Pace di Andria, Barletta, Bisceglie, Canosa, Corato, Minervino Murge e Molfetta.

L'assetto del Tribunale, se dovesse combaciare con il territorio della Provincia BAT, rischierebbe di perdere le Città di Corato, Molfetta e Ruvo, ovvero due sedi distaccate del Tribunale e tre Uffici del Giudice di Pace, acquisendo le Città di Margherita di Savoia, San Ferdinando e Trinitapoli, ovvero la sede distaccata di Tribunale e l' Ufficio del Giudice di Pace, entrambi ora a Trinitapoli.

Naturale la preoccupazione del Presidente del Tribunale, condivisa dal Primo Cittadino di Trani i quali temono un declassamento dell'Ufficio Giudiziario, che invece dovrebbe quanto meno mantenere posizioni ormai consolidate, unitamente all'aspirazione del territorio di vedersi riconosciute una sede o una sezione staccata di Corte di Appello, ripristinando un diritto che Trani nel passato si è vista ingiustamente sottratto, nonostante avesse la sede della "Corte di Appello delle Puglie", superiore nell'importanza a molte delle sedi oggi presenti sul territorio regionale.

Ritiene il Sindaco di Trani che nulla debba avere a che vedere la composizione geografica di un territorio con l'assetto di Uffici Giudiziari e di attività, ormai stabilmente operanti, che potrebbero subire gravi danni logistici e di operatività in un settore come quello della Giustizia, che soffre da tempo e che con grande fatica continua il suo cammino, grazie soprattutto alla dedizione degli operatori, ma che certamente non può permettersi ulteriori aggravamenti della situazione.

Nasce da queste constatazioni l'invito, l'appello, o ancor meglio, la richiesta di impegno che parte dal Sindaco di Trani, rivolto indistintamente a tutte le forze politiche, indipendentemente dall'esito delle prossime consultazioni politiche, perché chiunque abbia a cuore le sorti delle nostre Città e del nostro territorio, non consenta che si compiano ulteriori abusi rispetto a quelli perpretati nel passato.
  • Provincia Bat
  • Tribunale di Trani
Altri contenuti a tema
Ex istituto psico pedagogico di Trani, entro l'anno saranno avviate le procedure di riqualificazione Ex istituto psico pedagogico di Trani, entro l'anno saranno avviate le procedure di riqualificazione Questa mattina il sopralluogo con Lodispoto, Bottaro e Corrado
Sentenza del tribunale di Lecce, Bertolino: «Non un “sistema” diffuso a Trani» Sentenza del tribunale di Lecce, Bertolino: «Non un “sistema” diffuso a Trani» Le reazioni del presidente dell’Ordine degli Avvocati di Trani
2 Inchiesta su ex magistrati, Savasta condannato a 10 anni di reclusione Inchiesta su ex magistrati, Savasta condannato a 10 anni di reclusione Condanne anche per il sostituto procuratore Scimé, l'immobiliarista D'Agostino, gli avvocati Sfrecola e Ragno
Tribunale di Trani, via libera all’accesso alle cancellerie Tribunale di Trani, via libera all’accesso alle cancellerie Riaperte all’utenza dal lunedì al venerdì
Tribunale di Trani, tornano le udienze dopo l'emergenza Coronavirus Tribunale di Trani, tornano le udienze dopo l'emergenza Coronavirus I magistrati fisseranno le nuove date dei processi
Inchiesta Le Lampare, sale a nove il numero degli indagati coinvolti Inchiesta Le Lampare, sale a nove il numero degli indagati coinvolti Il legale rappresentante della società accusato di concorso in abuso d’ufficio
Minacce a testimoni, avviso di fine indagine all'ex pm di Trani Michele Ruggiero Minacce a testimoni, avviso di fine indagine all'ex pm di Trani Michele Ruggiero Con lui indagato anche un poliziotto della Digos di Bari
Manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok Manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok Per il giudice e il poliziotto l'ok ai domiciliari era arrivato lo scorso 19 giugno
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.