Presepe
Presepe
Eventi e cultura

Il presepe "della follia d'amore" donato alla città di Trani

Il regalo di Natale di Fondazione Seca e Opera don Uva Universo Salute

Un regalo di Natale attraverso i canali web questa storia, destinata ai fedeli del territorio costretti in casa dalla pandemia: è il video poetico e commovente voluto da Fondazione Seca - Opera don Uva Universo Salute e trasmesso proprio nella notte di Natale, quando le campane della meravigliosa Cattedrale di Trani in riva al mare hanno annunciato la nascita di Gesù.

Ma la viralità che attraverso i canali social il video sta realizzando lo sta rendendo uno dei simboli più preziosi di questo Natale che ha visto le strade e le piazze diventare deserte e le famiglie e gli affetti doversi separare.

Protagonisti un bambino che corre tra i vicoli del centro storico della città, come fuggendo da una minaccia che lo incombe, tenendo stretto a sè Gesù bambino, con la cura e la protezione che si darebbe a un fratellino appena nato.

A inseguirlo è invece, preoccupato, solo il suo papà, che non può che abbracciarlo alla fine della missione compiuta dal suo piccolo eroe: salvare il Bambinello, salvarlo dal buio, dalla mancanza di fede, speranza, dal crollo vertiginoso dei valori autentici e preziosi dell'umanità, forse salvarlo dalla paura che sta attanagliando tutti noi.

Protagonisti Andrea e Antonio D'Amore, padre e figlio nella realtà, circostanza che rende ancora più profondo l'abbraccio finale tra i due; ma anche il presepe a grandezza naturale che la stessa Fondazione SECA e Opera don Uva Universo Salute aveva donato alla comunità la sera dell'8 dicembre, chiamato "il presepe della follia d'amore" perché per tanti anni aveva accompagnato il Natale dei ricoverati nella Casa della Divina provvidenza, i "matti" che don Uva chiamava amabilmente "gli agitati".


Corri, piccolo eroe.
Vogliono annientare la speranza, disintegrare l'attesa, distruggere l'Amore. Gesù Bambino è nelle tue mani perché nasca ancora, nella magia di un presepe in riva al mare e nel cuore degli uomini. Corri, piccolo eroe . Il tuo coraggio ti guida nella Notte Santa in vicoli deserti ma pieni di luce, di sacra Bellezza, in un sentiero che porta alla Stella, sì, sempre quella. Corri, piccolo eroe, stringi a te Colui cui è affidata la nostra salvezza. E poi deponilo lì, in un giaciglio d'Amore, perché possiamo riconoscerLo e proteggerlo. Grazie, piccolo eroe. perché col tuo coraggio Gesù stanotte è nato ancora.
  • Natale
Altri contenuti a tema
Pochi a Tombola? Tra Monopoli, Risiko e novità come i "Coloni di Catan" è salva la tradizione di giocare insieme Pochi a Tombola? Tra Monopoli, Risiko e novità come i "Coloni di Catan" è salva la tradizione di giocare insieme Anche nel week end di Capodanno ci si organizza per divertirsi in pochi o a distanza
Minestra Verde: piatto semplice di tradizione per Santo Stefano Minestra Verde: piatto semplice di tradizione per Santo Stefano Piatto "verde" per un giorno "rosso"
Ricongiungimenti familiari negati, gli pisicologi: «Isolamento utile, guardia alta però per la salute mentale» Ricongiungimenti familiari negati, gli pisicologi: «Isolamento utile, guardia alta però per la salute mentale» «Bisogna evitare che il mondo esterno venga visto solo ed esclusivamente come una minaccia»
Trani dall'alto come non l'avete mai vista! Trani dall'alto come non l'avete mai vista! Immagini mozzafiato della città e riprese col drone a cura di Trani 2.0
Natale, Cottura Media dona pasti caldi alla Caritas cittadina Natale, Cottura Media dona pasti caldi alla Caritas cittadina Si rinnova l'impegno del ristorante verso coloro che vivono soli o in povertà
Il triste Natale di Felice Casale: «Un papà ha diritto di sapere com'è morto suo figlio» Il triste Natale di Felice Casale: «Un papà ha diritto di sapere com'è morto suo figlio» Lo sfogo del padre del giovane chef scomparso nel 2017
Natale 2020, le celebrazioni nella Cattedrale di Trani Natale 2020, le celebrazioni nella Cattedrale di Trani Stasera la vigilia trasmessa in diretta televisiva
1 In attesa del lockdown, quel che resta dell'ultimo fine settimana in 'giallo' In attesa del lockdown, quel che resta dell'ultimo fine settimana in 'giallo' Moltissime le presenze nel centro cittadino, per compere e passeggiate fra file di auto
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.