Poste
Poste
Attualità

Le file alle Poste, l'ultimo supplizio dell'estate

Utenti stremati dalle lunghe code sotto il sole e la calura

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Mi rendo conto che Poste Italiane esegue ordini dall'alto e mette in pratica le misure anti Covid in quanto l'assembramento in luogo chiuso sarebbe potenzialmente ad alto rischio. Ma devo raccogliere e girare ai dirigenti il grido di sofferenza di tanti utenti stremati dalle file sotto il sole e la calura. Passo ogni giorno presso gli uffici e vedo queste file di persone con sguardo ormai perso nel vuoto o inesorabilmente a capo chino o attaccate alle pareti, laddove la fila lo permetta, in cerca di un lembo d'ombra, d'un refolo di vento.

Situazione ormai insostenibile. Bisogna trovare una soluzione. Dice: " Ci sono le prenotazioni online". Ma decine di utenti di età medio alta non sanno manco come si accende un Brondi modello base, che quando devono manovrarlo fanno come il nonno "zagno" di Heidi del famoso cartone sul web. Figuriamoci la prenotazione a colpo secco online.

Perché non istituire turni per lettera, in ordine alfabetico, dedicando ad ogni gruppo una fascia oraria, una mezza giornata, uno straccio di ancora di salvataggio, un lembo umido di frescura, potendo tornare, pochi, a gruppi, senza il supplizio da girone infernale dei poveretti in fila, nell'ufficio?

Se ci fosse stato Dante avrebbe creato un nuovo gruppo di dannati. Ma sti' poveracci, ancora in carne ed ossa e non ancora "anime prave", che cacchio hanno fatto di male? Che colpa devono espiare davanti alla porta d'ingresso delle Poste, laddove lasciare ogni speranza di sollievo dal caldo?

Che poi passeggio di sera davanti ai locali della "movida pro Covid" (mo' non se la prendessero i padroni dei locali, ché questa è sfumatura ironica...) e guardo come Dante e Virgilio messi insieme, le centinaia di ragazzi che, seppur all'aperto ok, stanno tutti attaccati col bicchiere in mano, stretti stretti come neo sardine impavide. Ma allora perché quelli sì, le neosardine intendo ed i poveracci a morire sotto il sole cocente che scortica capocchie e capocce?
  • Poste
Altri contenuti a tema
Ufficio postale di Trani centro chiuso fino al 25 febbraio, disagi per gli utenti Ufficio postale di Trani centro chiuso fino al 25 febbraio, disagi per gli utenti A supporto una stazione mobile di Poste Italiane in via Giovanni Bovio
Rapina all'ufficio postale di via Manzoni: in due armati e a volto coperto Rapina all'ufficio postale di via Manzoni: in due armati e a volto coperto Probabilmente anche una donna, lo riferiscono testimoni. Bottino scarso
Posta centrale presa d'assalto per la riscossione pensioni: nuova giornata di caos Posta centrale presa d'assalto per la riscossione pensioni: nuova giornata di caos Accessi bloccati da lunghe file di persone, in tanti vanno via
Poste italiane, crollano i fondi immobiliari Poste italiane, crollano i fondi immobiliari Adoc chiede garanzie e chiama in causa Consob e Banca d’Italia
Bombe e furti: in Puglia postamat aperti solo in orario di ufficio Bombe e furti: in Puglia postamat aperti solo in orario di ufficio A Trani resterà attivo solo quello di corso Manzoni
Bomba al bancomat: paura all'ufficio postale di corso Manzoni Bomba al bancomat: paura all'ufficio postale di corso Manzoni I banditi hanno agito all'alba portando via il contante
Le Poste tranesi si rinnovano, da oggi Wi-fi gratuito Le Poste tranesi si rinnovano, da oggi Wi-fi gratuito L'Ufficio Trani Centro apre le porte ad Internet
Tutti in coda per la pensione Tutti in coda per la pensione Ore di attesa per essere i primi ad entrare alla Posta e c'è chi vende i biglietti per stabilire l'ordine di arrivo
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.