Piazza Gradenigo
Piazza Gradenigo
Cronaca

Riqualificazione di piazza Gradenigo: cronaca di un progetto annunciato

Spettacolo indegno. Colpa della burocrazia e della pandemia?

Era il 28 Ottobre 2018 quando l'amministrazione comunale presentava in un incontro presso la biblioteca comunale "Bovio", promotore l'allora consigliere comunale con delega al centro storico Luigi Cirillo, un intervento propedeutico alla realizzazione dell'opera di riqualificazione di piazza Gradenico, che prendeva forma (come citano i comunicati dell'epoca) "in maniera compiuta in virtù della collaborazione stretta dal Comune di Trani con il Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori". L'incontro verteva sul tema "La ri-conoscenza dei luoghi: piazza Gradenigo, riqualificazione dell'accesso al centro storico della Città di Trani", con interventi del sindaco, dell'allora assessore alle opere pubbliche, Giovanni Tondolo, il dirigente dell'Area tecnica, Francesco Gianferrini ed il responsabile unico del procedimento, Rosario Sarcinelli, oltre a numerose e qualificate presenze di architetti e docenti universitari del Politecnico barese.

Era il 3 Giugno 2019 quando il sindaco Bottaro, e il presidente del Consiglio dell'Ordine degli Architetti, sottoscrivevano "in Comune il protocollo d'intesa per bandire il concorso di progettazione a due gradi per ristrutturazione di piazza Gradenigo", sempre alla presenza del consigliere Cirillo, promotore dell'intervento di riqualificazione della piazza: "In virtù di questo accordo, l'Ordine fornirà la propria consulenza nella stesura del bando di concorso di progettazione...Elemento determinante per la scelta del vincitore del concorso è esclusivamente la qualità del progetto. L'intervento di recupero della piazza (denominato, non a caso, "La ri-conoscenza dei luoghi") nasce dalla precisa volontà dell'Amministrazione di riqualificare un luogo che ha da sempre rappresentato il punto di accesso privilegiato al centro storico della città di Trani".

Era il 20 Agosto 2020 quando altri comunicati da Palazzo spiegavano quanto riguardava il rifacimento di piazza Gradenigo: "E' giunto a completamento l'iter burocratico da parte del Comune di Trani e dell'Ordine degli architetti...I due Enti hanno lavorato fianco a fianco per poter avviare le procedure necessarie per bandire il concorso di progettazione a due gradi per la ristrutturazione del luogo, così come sancito dal protocollo d'intesa stipulato da Amministrazione comunale e Ordine degli architetti a giugno del 2019. E poi: "Con la determinazione dirigenziale 173 del 14 agosto 2020 il dirigente dell'Area lavori pubblici, Luigi Puzziferri, ha emesso l'ultimo provvedimento con il quale è stato approvato il documento di indirizzo alla progettazione nonché il relativo quadro economico dell'intervento di riqualificazione dell'intera piazza, stabilendolo nella misura di 500.000 euro. La determina dirigenziale ha approvato lo schema di bando, il disciplinare di gara ed i relativi allegati, stabilendo le modalità per la partecipazione al concorso di progettazione".

Siamo a Maggio 2021. Di acqua, e di Covid, ne è passata da sotto i ponti. Piazza Gradenico è sempre lì, più abbandonata e distrutta che mai. Una situazione indecente per la nostra città, per i cittadini, per i residenti, per i turisti che (quando si poteva, e quando si potrà)arrivano nei pullman Gt proprio in quei pressi, una situazione indecente per una piazza "storica" della città.

Pensiamo: dopo quasi tre anni il Concorso per la riqualificazione sarà a buon punto, dunque. Leggiamo dunque l'Albo Pretorio del Comune di Trani, e scopriamo che il 20 aprile scorso, cioè due anni e mezzo dopo quella presentazione in Biblioteca, una determina dirigenziale (la n.66) dell'Area Lavori Pubblici, a firma dell'ing. Luigi Puzziferri, dice: "Concorso di progettazione per la riqualificazione di piazza Gradenigo - determinazione a contrarre: modifica del bando e disciplinare di gara". Inutile sapere perchè, per chi e per come. Non cerchiamo ne' colpevoli ne' scusanti. Solo che come cittadini, nel 2018, avevamo creduto che piazza Gradenigo potesse tornare "in vita" in tempi brevi. Ma dobbiamo ricrederci. Si farà, certo che si farà. Non abbiamo dubbi. Tutta colpa della burocrazia. E della pandemia.
Piazza GradenigoPiazza GradenigoPiazza GradenigoPiazza GradenigoPiazza GradenigoPiazza GradenigoPiazza GradenigoPiazza GradenigoPiazza GradenigoPiazza Gradenigo
  • Piazza Gradenigo
Altri contenuti a tema
La comunità  musulmana riunita nel rito finale del Ramadan all'alba in piazza Gradenigo La comunità musulmana riunita nel rito finale del Ramadan all'alba in piazza Gradenigo Cerimonia svolta in serenità e nel rispetto delle regole anticovid
Piazza Sant'Agostino lavori in arrivo, ma intanto è scempio continuo Piazza Sant'Agostino lavori in arrivo, ma intanto è scempio continuo Mazza e panella di Giovanni Ronco
Trani sul Filo: ancora tanti gli spettacoli da vedere Trani sul Filo: ancora tanti gli spettacoli da vedere Gli appuntamenti del 30-31 dicembre 2019 e del primo gennaio 2020 in piazza Gradenigo e dintorni
Trani sul filo, fine settimana ricco di appuntamenti Trani sul filo, fine settimana ricco di appuntamenti E domani la compagnia di acrobati "Black Blues Brothers"
Piazza Gradenigo e autobus: ancora non ci siamo Piazza Gradenigo e autobus: ancora non ci siamo Il primo ordinario sabato di primavera: via Fra' Diego Alvarez presa d'assalto
Riqualificazione di piazza Gradenigo: pronto un concorso di progettazione a due gradi Riqualificazione di piazza Gradenigo: pronto un concorso di progettazione a due gradi L'iniziativa promossa dal consigliere Cirillo verrà presentata lunedì in biblioteca
Un albero secco e pericolante in piazza Gradenico Un albero secco e pericolante in piazza Gradenico In corrispondenza della fermata degli autobus, andrebbe subito rimosso
Piazza Gradenigo, sedotta e abbandonata Piazza Gradenigo, sedotta e abbandonata De Simola ripercorre la storia della piazza dal 2006 ad oggi
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.