vigilanza Tribunale di Trani
vigilanza Tribunale di Trani
Cronaca

"Sistema Trani", oggi inizia l'udienza preliminare

Sono 19 gli imputati. L'accusa sarà sostenuta dal pm Catalano

Sono passati quasi tre anni dagli arresti di amministratori, dirigenti e dipendenti del Comune, che sconvolsero Trani e portarono alla caduta dell'amministrazione di centrodestra guidata da Luigi Riserbato. Oggi, davanti al Gup del Tribunale, Angela Schiralli, dovranno comparire tutte le persone coinvolte nei due filoni della cosiddetta inchiesta sul "Sistema Trani". Ovvero sia quelle coinvolte nella prima parte con al centro l'appalto per la vigilanza degli immobili comunali, che sfociò appunto negli arresti del 20 dicembre 2014; sia quelle legate alle presunte manomissioni della macchina amministrativa, culminate nell'arresto di Sergio De Feudis, dipendente all'epoca in servizio nell'ufficio Finanze.

A sostenere l'accusa non ci sarà però Michele Ruggiero, il magistrato che ha coordinato le indagini e chiesto il rinvio a giudizio dei 19 imputati. Ruggiero si trasferirà, entro qualche mese, a Bari e per questo a rappresentare la Procura di Trani sarà il pm Marcello Catalano.

I FATTI
Per il primo filone, che vedeva al centro l'appalto per la vigilanza degli immobili comunali, il processo è stato chiesto per l'ex sindaco Luigi Riserbato e il suo allora vice, Giuseppe Di Marzio; per l'ex amministratore unico di Amiu, Antonello Ruggiero; per gli ex consiglieri di centrodestra, Maurizio Musci e Nicola Damascelli; per il funzionario del Comune, Edoardo Savoiardo; Elsa Coppola, Yanko Tedeschi, Claudio Laricchia (membri della commissione di gara per l'aggiudicazione dell'appalto sulla vigilanza degli immobili comunali) e Pasquale Mazzone (ex segretario generale del Comune di Trani); Francesco Lupo, Massimo Aletta e Nicola Lisi (della Sicurcenter di Palermo). Per l'ex primo cittadino, però, è caduta l'accusa di associazione per delinquere per cui era finito agli arresti domiciliari il 20 dicembre 2014. In carcere, quello stesso giorno, erano invece finiti Di Marzio, Ruggiero, Musci e Damascelli; mentre Savoiardo beneficiò dei domiciliari.

Il secondo filone ha fatto emergere, invece, un'associazione a delinquere che avrebbe distratto ingenti somme dalle casse del Comune di Trani, mediante la realizzazione di un sofisticato sistema che alterava le procedure contabili ed interferiva fraudolentemente nell'iter di affidamento dei servizi comunali. Contestati anche - a vario titolo - i reati di peculato, truffa, concussione e diversi falsi. In questo caso le richieste riguardano Sergio De Feudis; l'ex comandante della Polizia locale, Antonio Modugno; l'ex presidente della cooperativa Vigilanza tranese, Vincenzo Giachetti; gli ex dirigenti del Comune, Luca Francesco Paolo Russo e Domenico Guidotti; un ex dipendente della coop Un amico per Trani, Carlo Addamiano; e ancora il funzionario Savoiardo, già coinvolto nella prima tranche di indagini.
  • Sistema Trani
Altri contenuti a tema
La notte bianca degli incarichi legali in Amet. E sul Sistema Trani vi dico che... La notte bianca degli incarichi legali in Amet. E sul Sistema Trani vi dico che... Mazza e panella di Giovanni Ronco
Sistema Trani, oggi la prima udienza dibattimentale Sistema Trani, oggi la prima udienza dibattimentale Diversi gli interventi delle difese dei 14 imputati. Processo aggiornato al 19 settembre
1 Sistema Trani, cade l'accusa di associazione a delinquere. Musci: «Ho vinto una grande battaglia» Sistema Trani, cade l'accusa di associazione a delinquere. Musci: «Ho vinto una grande battaglia» L'ex consigliere di centrodestra dopo i recenti sviluppi: «Grazie a chi ha creduto in me»
Sistema Trani, il Gup accoglie il rinvio a giudizio per quasi tutti gli imputati Sistema Trani, il Gup accoglie il rinvio a giudizio per quasi tutti gli imputati Prosciolta Elsa Coppola, cadono alcune ipotesi accusatorie
Sistema Trani, per la difesa di Ruggiero e De Feudis le accuse sono infondate Sistema Trani, per la difesa di Ruggiero e De Feudis le accuse sono infondate Per i 15 imputati che non hanno chiesto il rito abbreviato le arringhe si concluderanno il 21 febbraio
Sistema Trani, dopo il sequestro di beni parla il difensore di De Feudis Sistema Trani, dopo il sequestro di beni parla il difensore di De Feudis Resta la fiducia nella magistratura ma quante perplessità
"Sistema Trani", sequestrati beni per 670mila euro ad un dipendente comunale "Sistema Trani", sequestrati beni per 670mila euro ad un dipendente comunale "Invito a dedurre" anche per altri otto dipendenti comunali
1 Sistema Trani, la Procura chiede il rinvio a giudizio dei 15 imputati coinvolti Sistema Trani, la Procura chiede il rinvio a giudizio dei 15 imputati coinvolti Chiesto comunque il proscioglimento dall'accusa di truffa per Riserbato e Ruggiero
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.