Mario Fabrizio
Mario Fabrizio
Basket

L'eccellenza del basket tranese in trasferta

Questa settimana parola a coach e arbitri

Nello scorso week-end un giovane coach tranese, ma con già una buona dose di esperienza sulle spalle, vince il campionato regionale di serie C Femminile portando la Nuova Matteotti Corato in serie B; sto parlando di un grande amico ma soprattutto di un allenatore che farà certamente tanta strada…Mario Fabrizio.

Con la sua tenacia è riuscito a portare a termine un grande risultato frutto di tanto sacrificio e passione; pur piazzandosi a metà classifica nella regular season la NMC è riuscita nei play off a superare squadre attrezzate e blasonate come Delfini Monopoli e Murgia Basket Santeramo.

Coach Fabrizio ha plasmato un gruppo di giovani atlete e di ragazze più esperte; nel roster non posso non citare le tranesi Sabrina Annoscia, Federica Lenzu e Grazia di Gennaro a cui va anche a loro un grande plauso per l'eccellente risultato; ecco le dichiarazioni di Mario Fabrizio: "Durante l'anno abbiamo avuto tantissime criticità dovute maggiormente a problemi logistici con la chiusura del Palazzetto dello Sport di Corato che ci ha portato ad avere ovvi problemi. Nonostante una preparazione fisica non ottimale siamo comunque riusciti con due/tre allenamenti settimanali ad ingranare con ottime performances difensive ed offensive mettendo in difficoltà squadre più forti di noi; abbiamo fatto una seconda parte di stagione molto positiva.

Purtroppo quest'anno con l'assenza di Giorgia Uniti come centro titolare, avevamo pochi punti di riferimento sotto canestro ma ciò nonostante le mie giocatrici sono riuscite a compensare tale assenza sfoderando sempre grandi prestazioni. Dedico questa vittoria a chi mi ha sempre aiutato e supportato, in primis a mia figlia e alla mia compagna con cui ho condiviso gioie e difficoltà durante tutto l'anno; permettimi di fare un'ulteriore dedica anche alla società della NMC che mi ha dato fiducia permettendomi di lavorare con serenità e fiducia per tutta la stagione sia per il campionato di C femminile che U18 con cui disputeremo l'interzona a Roma i primi di maggio (altro risultato storico per la società). Per il futuro continueremo ad inserire tante ragazze del settore giovanile nel roster della prima squadra al fine di poter far continuare a crescere l'intero movimento femminile".

In verità questa settimana avevo previsto di parlare anche di arbitri; elementi imprescindibili nello sport a cui spettano, talvolta, le critiche più dure da parte di chi perde frutto di una mancanza di cultura sportiva. Si sente sempre più spesso parlare di arbitri solo quando si perde, troppo facile per allenatori/giocatori e dirigenti scaricare le proprie colpe e i propri fallimenti su coloro che hanno il fischietto dalla propria parte. Si dovrebbe cominciare ad educare sin dalle fasce di età più basse i veri valori sportivi, tra cui c'è anche la sconfitta che è un elemento imprescindibile della crescita di ognuno di noi; nella pallacanestro il giocatore che commette un fallo deve autoaccusarsi dello stesso, atteggiamento unico nelle varie discipline sportive in genere. "L'arbitro è la scusa dei perdenti…" diceva un affermato coach!

Ho fatto una breve chiacchierata con il decano degli arbitri pugliesi Raffaele "Lucio" Musicco attuale osservatore regionale e con Daniele Barracchia arbitro da diversi anni nelle serie Minors e giovanili. Purtroppo non sono riuscito a strappare a Pasquale Pecorella una dichiarazione, attualmente sta arbitrando in Lega Due Maschile e serie A Femminile (per il suo splendido percorso ha anche ricevuto la civica benemerenza da parte del Comune di Trani) accumulando sempre più maggiore esperienza essendo anche stato designato più volte per partite di "cartello".

A Lucio Musicco ho voluto chiedere cosa pensa della sudditanza psicologica di cui tanto si parla soprattutto nel calcio: "Credo sinceramente che nel basket si possa manifestare ad alti livelli nei confronti degli allenatori con un grande carisma e, forse, nei campionati minori". Quando arbitravi che rapporto avevi con giocatori ed allenatori? - "Preferivo parlare sempre nella giusta maniera dando gli opportuni e concisi chiarimenti e poi adeguarmi al loro comportamento".

In caso di errore cosa deve fare un arbitro? - "Penso ci siano due tipi di errori da parte degli arbitri..quelli correggibili che vanno subito corretti e quelli non correggibili che bisogna evitare di ripetere mostrando sempre più attenzione e stemperando gli animi agitati ammettendolo".

Luigi Lamonica potrebbe essere un valido esempio per gli arbitri più giovani? In Puglia chi prendere come esempio positivo da imitare? – "Gigi Lamonica è l'esempio lampante degli ultimi tempi, ci sono molti arbitri che seguono il suo esempio come Pecorella, Morelli, Paglialunga, Musicco etc… gli altri giovani arbitri andrebbero seguiti di più ed indirizzati verso il giusto atteggiamento".

Daniele Barracchia arbitra con grande entusiasmo e passione nelle serie Minors e nei vari campionati giovanili, a lui ho chiesto cosa lo ha spinto ad entrare in questo mondo: "Ho iniziato ad arbitrare nella stagione 2006/2007, ho fatto di tutto per poter ritornare nel mondo della pallacanestro, mondo che ha fatto sempre parte di me e che per vicissitudini/imprevisti non felici della mia vita ho visto allontanarsi. Quindi posso affermare che la passione per la pallacanestro e il bisogno personale di potermi rimettere in discussione sono stati, sono e saranno i motivi della mia carriera arbitrale. Secondo me un buon arbitro deve essere Preparato, Tranquillo e soprattutto Umile, perché da qualsiasi addetto ai lavori c'è sempre da imparare qualcosa".

Descrivimi il tuo rapporto con i giocatori/allenatori e che prospettive future hai: "Tendenzialmente credo di essere una persona molto tranquilla che cerca sempre di creare una "collaborazione" tra arbitri-allenatori-giocatori perché sono convinto che l'unione di queste figure non può che risultare utile e fondamentale per la crescita della nostra disciplina; per il futuro spero di poter continuare, compatibilmente con gli impegni lavorativi, a seguire questa mia passione".

A Mario, Grazia, Sabrina, Federica, Pasquale, Daniele e Lucio un grazie per quello che avete fatto e che farete sul parquet con l'auspicio che possiate vedere realizzate i vostri SOGNI!
  • Fabio Palieri
Daniele BarracchiaMusiccoPasquale Pecorella
  • basket
Altri contenuti a tema
New JT: la parola a Ninni Ferri, Daniele Vergine e coach Amoruso New JT: la parola a Ninni Ferri, Daniele Vergine e coach Amoruso Nuovo appuntamento con il basket a cura di Fabio Palieri
Il basket tranese tra vecchie glorie e nuove leve Il basket tranese tra vecchie glorie e nuove leve Una nuova pagina di sport a cura di Fabio Palieri
"Una chance per te": a Trani il basket incontra la solidarietà "Una chance per te": a Trani il basket incontra la solidarietà Domenica il derby con una lotteria di beneficenza per sostenere i progetti umanitari in Congo
NMC, l'Under15 d’Eccellenza campione regionale e tra loro c'è un tranese NMC, l'Under15 d’Eccellenza campione regionale e tra loro c'è un tranese Davide Pizzi con la sua squadra ha raggiunto il più alto titolo regionale
Antonio Cezza, Claudio Pomarico e Diego Resta: tre "grandi" della pallacanestro Antonio Cezza, Claudio Pomarico e Diego Resta: tre "grandi" della pallacanestro Il ricordo e le testimonianze dei loro amici
Grande successo per l'esordio del primo Campionato Regionale Baskin Puglia Grande successo per l'esordio del primo Campionato Regionale Baskin Puglia Al PalaAssi protagoniste tre delle dieci squadre partecipanti
A tutto basket: questa settimana la parola ai "capitani" A tutto basket: questa settimana la parola ai "capitani" È ancora aria di derby ma non solo. Conosciamo meglio le altre realtà
Fratelli Lotti New Juve Trani, Gabriele Alesse non è più l’allenatore della formazione Fratelli Lotti New Juve Trani, Gabriele Alesse non è più l’allenatore della formazione Il tecnico romano ha rassegnato le dimissioni per tornare a Roma per problemi familiari
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.