Maltempo in Puglia, Coldiretti
Maltempo in Puglia, Coldiretti
Territorio

Maltempo, Coldiretti Puglia: «Sos frutta estiva e pomodori per grandinate e bombe d'acqua»

Frutteti danneggiati, campi allagati e impraticabili

Bombe d'acqua e grandine in Puglia in una pazza estate con sbalzi termici repentini da oltre 40° fino a 21 gradi, campi allagati e impraticabili, frutteti danneggiati, pomodori e frutta estiva in stress idrico. E' il bilancio di Coldiretti Puglia che denuncia gli effetti disastrosi della tropicalizzazione del clima che nelle ultime 24 ore si è manifestata nuovamente in Puglia. "Meloni e carciofi appena trapiantati sono stati letteralmente spazzati via dalla consistente quantità di acqua caduta, con gravi danni ai pomodori e ai vigneti nell'area brindisina. Tra Brindisi e Lecce cadranno ancora fino a 200 millimetri di pioggia, con un brusco abbassamento delle temperature, con Monte Sant'Angelo nel foggiano che sarà la località più fredda di Puglia con 21 gradi di temperatura, mentre nell'agro di Terlizzi una violenta grandinata si è abbattuta sugli oliveti", dice Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Sono evidenti le conseguenze dei cambiamenti climatici, dove l'eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, come accaduto nei primi 6 mesi del 2020 dove l'inverno bollente ha lasciato il posto ad una primavera pazza e si sono succeduti numerosi eventi estremi, secondo le elaborazioni su dati dell'European Severe Weather Database (ESWD), come 3 tornado di cui due in provincia di Bari e 1 in provincia di Lecce, 10 grandinate violente nel barese e sul Salento, 2 trombe d'aria nel barese e nel foggiano, frequenti nubifragi improvvisi, oltre alle nevicate di febbraio, le gravi gelate del 24 e 25 marzo scorsi e la violenta grandinata del 6 luglio scorso in provincia di Taranto, a Massafra, Castellaneta, Martina Franca, Manduria e Avetrana.

"E' un vero e proprio disastro in provincia di Brindisi per i pomodori, i carciofi e i meloni gialli, oltre che per i vigneti colpiti dalla grandine e soprattutto dai violenti nubifragi. Disastrosi gli effetti sui campi della tropicalizzazione del clima che azzera in pochi attimi gli sforzi degli agricoltori che perdono produzione e al contempo subiscono l'aumento dei costi a causa delle necessarie risemine, ulteriori lavorazioni, acquisto di piantine e sementi e utilizzo aggiuntivo di macchinari e carburante", insiste Filippo De Miccolis Angelini, presidente di Coldiretti Brindisi.

Le tempeste di piena estate confermano la tendenza alla tropicalizzazione che – continua la Coldiretti – si manifesta con una elevata frequenza di eventi estremi con manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi. L'agricoltura – insiste la Coldiretti – è l'attività economica che più di tutte le altre vive quotidianamente le conseguenze dei cambiamenti climatici con sfasamenti stagionali ed eventi estremi.

La grandine – precisa la Coldiretti – è la più temuta in questa fase stagionale per i danni irreversibili che provoca alle coltivazioni nei campi dove è in piena raccolta la frutta estiva e sta per iniziare la vendemmia con il rischio della perdita di un intero anno di lavoro.

La pioggia – continua la Coldiretti – è attesa per combattere la siccità nelle campagne ma per essere di sollievo deve durare a lungo, cadere in maniera costante e non troppo intensa, mentre i forti temporali, soprattutto con precipitazioni violente provocano danni poiché i terreni non riescono ad assorbire l'acqua che cade violentemente e tende ad allontanarsi per scorrimento provocando frane e smottamenti. I cambiamenti climatici con le precipitazioni sempre più intense e frequenti con vere e proprie bombe d'acqua si abbattono infatti – conclude la Coldiretti – su un territorio reso piu' fragile dalla cementificazione e dall'abbandono con il risultato che sono saliti a 232 i comuni in Puglia, ovvero il 78% percento del totale, a rischio idrogeologico con diversa pericolosità idraulica e geomorfologica.
4 fotoMaltempo in Puglia, Coldiretti
Maltempo in Puglia, ColdirettiMaltempo in Puglia, ColdirettiMaltempo in Puglia, ColdirettiMaltempo in Puglia, Coldiretti
  • Maltempo
Altri contenuti a tema
Maltempo in Puglia, allerta gialla per temporali su tutto il territorio Maltempo in Puglia, allerta gialla per temporali su tutto il territorio Precipitazioni e calo delle temperature per le successive 24 ore
Maltempo, allerta gialla su Trani Maltempo, allerta gialla su Trani Rischio idrogeologico sul territorio a partire da domani
Grandinata in Puglia, danni su frutteti e campi di angurie e meloni Grandinata in Puglia, danni su frutteti e campi di angurie e meloni Coldiretti denuncia le conseguenze in agricoltura dei cambiamenti climatici
Grandine, vento e trombe d’aria: in Puglia è sos grano e frutteti Grandine, vento e trombe d’aria: in Puglia è sos grano e frutteti Coldiretti denuncia danni ingenti alle campagne della regione
Maltempo, scatta l'allerta arancione per il territorio di Trani Maltempo, scatta l'allerta arancione per il territorio di Trani Nuovo bollettino meteo della Protezione civile
Vento gelido e piogge torrenziali devastano i campi, è calamità in Puglia Vento gelido e piogge torrenziali devastano i campi, è calamità in Puglia Distrutto il raccolto di stagione. Coldiretti denuncia: «Situazione molto grave»
Forti raffiche di vento: cade un albero in corso Imbriani Forti raffiche di vento: cade un albero in corso Imbriani Nessun ferito. Prosegue l'allerta Arancione in tutta la Puglia
Forti raffiche di vento: oggi in Puglia è allerta arancione Forti raffiche di vento: oggi in Puglia è allerta arancione La sezione Protezione Civile seguirà l’evolversi della situazione
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.