Procura di Trani
Procura di Trani
Cronaca

Sistema Trani, l'inchiesta continua: flussi di denaro sospetti

Ecco cosa è accaduto, cosa sta accadendo e cosa accadrà

Dal 20 Dicembre al 5 Febbraio. Ovvero da San Liberato a Sant'Agata. Date che, comunque andrà la vicenda giudiziaria dell'inchiesta "Sistema Trani", rappresentano l'inizio e la fine della detenzione cautelare dell'ex primo cittadino Gigi Riserbato, dell'ex vicesindaco Peppino Di Marzio, dell'ex consigliere comunale Maurizio Musci e dell'ex amministratore unico di Amiu Antonello Ruggiero. Nel gioco degli opposti gli arresti scattarono nel giorno di San Liberato mentre la libertà è stata riassaporata nel giorno di Sant'Agata, patrona di Catania e dunque per così dire dell'Etna, a simboleggiare quel vulcano giudiziario-politico che il 20 Dicembre ha iniziato a scottare l'amministrazione Riserbato.

La remissione in libertà non significa che l'inchiesta "Sistema Trani" sui presunti illeciti per pilotare assunzioni ed appalti, sullo sfondo del voto di scambio, sia terminata. Significa solo che il pubblico ministero Michele Ruggiero ha ultimato quegli atti investigativi per cui si rendeva necessaria la detenzione preventiva per scongiurare il rischio di inquinamento probatorio. Nonostante l'eruzione del 20 Dicembre avesse, nelle more, spazzato e spezzato qualsiasi possibile contatto tra indagati, arrestati ed il ponte di comando del Comune dove, per effetto delle dimissioni di Riserbato, il timone è passato al commissario prefettizio.

Spazzato e spezzato. Ma anche spiazzato quanti verosimilmente credevano che i pregressi avvicendamenti e dimissioni, a prescindere dalle dichiarate o celate motivazioni, potessero evitare il tintinnio di manette di un'inchiesta che, vox populi, le preannunciava quando i panettoni erano ancora lontani. L'inchiesta dunque prosegue e non è detto che l'eruzione sia esaurita. Perché eventuali sviluppi potrebbero segnare nuove colate laviche se alcuni filoni d'indagine ancora in corso forniranno altri focolai, e cioè nuove contestazioni, oppure un ulteriore consolidamento degli elementi accusatori che oggi il pubblico ministero Michele Ruggiero ritiene "sedimentati" (così scrive il gip Francesco Messina nel provvedimento di revoca degli arresti) nella sua faretra.

S'indaga e si scava ancora. A quanto pare sul ruolo e sui rapporti con alcune cooperative sociali, di cui pure si parlava nell'ordinanza di custodia cautelare del gip Francesco Messina, e, notizia fresca, su alcuni presunti flussi di danaro e dunque su alcuni conti. In tutto questo bisogna anche capire chi la notte tra il 14 ed il 15 settembre 2013 appiccò le fiamme allo show-room dell'allora consigliere comunale Nico Damascelli. Lì dove, per capirne il movente, fu concepita, ad insaputa degli stessi inquirenti, l'inchiesta che sarebbe stata battezzata "Sistema Trani". E lì dove Damascelli ben presto potrebbe tornare, per occuparsi dell'azienda di famiglia. Perché è vero che è l'unico indagato ancora ai domiciliari ma è altrettanto vero che, a questo punto, la remissione in libertà dei colleghi ex amministratori spiana la strada anche per la sua posizione. E dunque per il favorevole accoglimento di un'istanza di revoca della misura cautelare su cui sinora il suo avvocato non aveva, deliberatamente, inteso insistere.
  • Gigi Riserbato
  • Comune di Trani
  • Procura di Trani
  • Nico Damascelli
  • Sistema Trani
Altri contenuti a tema
Riutilizzo delle acque reflue, previsto un impianto anche nel Comune di Trani Riutilizzo delle acque reflue, previsto un impianto anche nel Comune di Trani Il progetto finanziato dalla Regione per circa 8 milioni di euro
Largo Goldoni, inaugurata la nuova area giochi Largo Goldoni, inaugurata la nuova area giochi È il frutto della collaborazione tra privati cittadini e Amministrazione comunale
1 Chiavi della città: dalla Procura le precisazioni sul dissequestro dei beni del sindaco Chiavi della città: dalla Procura le precisazioni sul dissequestro dei beni del sindaco Il procuratore Di Maio: «Il Tribunale non ha accolto l’istanza dell’indagato»
Pioggia di calcinacci dell'ex cinema Bellini, l'area subito messa in sicurezza Pioggia di calcinacci dell'ex cinema Bellini, l'area subito messa in sicurezza Transennata la zona dopo la caduta di alcuni pezzi di intonaco
La dura vita del portavoce ai tempi dell'ultimo Bottaro La dura vita del portavoce ai tempi dell'ultimo Bottaro Mazza e panella di Giovanni Ronco
Elezioni europee, disponibili le retribuzioni per gli scrutatori e presidenti di seggio Elezioni europee, disponibili le retribuzioni per gli scrutatori e presidenti di seggio Gli interessati dovranno recarsi presso la Banca popolare di Bari
Il Comune cerca un portavoce, pubblicato l'avviso di selezione Il Comune cerca un portavoce, pubblicato l'avviso di selezione Le domande entro e non oltre il 1 luglio
Via Dogana Vecchia e non solo: istituita un'area pedonale permanente Via Dogana Vecchia e non solo: istituita un'area pedonale permanente Creato un percorso pedonale obbligatorio da piazza Lambert alla torre dell’orologio con la vicina via Porta Antica
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.